24/07/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Famiglie migranti e minori stranieri non accompagnati: normativa ed esperienze di tutela

Famiglie migranti e minori stranieri non accompagnati: normativa ed esperienze di tutela
venerdì 17 gennaio

La Camera civile di Perugia organizza una Tavola rotonda sul tema

"Famiglie migranti e minori stranieri non accompagnati: normativa ed esperienze di tutela"

Sala della partecipazione, Consiglio regionale, Palazzo Cesaroni

Piazza Italia n. 2 - Perugia.

Negli anni più recenti, a causa della crisi economica, gli ingressi di migranti in Italia, per motivi di lavoro, sono fortemente diminuiti.
A fronte di ciò, sono invece aumentati gli ingressi per motivi familiari.
Questo ha comportato una variazione dei nuovi arrivi circa il sesso e l'età.
Più precisamente, vanno aumentando gli ingressi di minori.
In base al "Dossier statistico 2013" dell'Unar, i minori stranieri costituiscono il 18,9% del totale dei permessi rilasciati nel 2012 (pari a circa 50mila titoli).
I minori stranieri nati in Italia nel 2012 sono stati, invece, poco meno di 80mila (pari al 14,9% del totale delle nascite).

Nel complesso, tra nati in Italia ed entrati per ricongiungimento familiare, i minori stranieri costituiscono circa un decimo di tutti i minori residenti in Italia (9,8% nel 2010), e costituiscono quasi un quarto della popolazione straniera residente (il 24,1% agli inizi del 2013, con percentuali del 30% in riferimento ai Nordafricani).

L'Umbria è stata una delle regioni che, tra il 1995 ed il 2008, ha registrato una forte crescita percentuale di stranieri nati sul totale delle nascite, con un incremento pari al 32,3%.
Inoltre è stata tra le regioni che, nel 2011, ha registrato le più elevate presenze di madri straniere di età inferiore ai 25 anni.

Di fronte a tali dati statistici, si comprende come quella dei minori sia una presenza importante anche per gli andamenti demografici italiani.
Si tratta di una presenza che mette, inoltre, in rilievo il percorso di integrazione dei genitori: ricongiungere il figlio o far nascere un figlio in Italia è una tappa importantissima di un percorso migratorio.

Quella dei minori stranieri nati o cresciuti in Italia è pero' anche una presenza che mostra una problematica particolare costituita dalle differenze con i loro coetanei italiani. Essi non sempre hanno un pari status in termini di cittadinanza: si parla di "Italiani con il permesso di soggiorno".

Ma esperienze molto più infelici sono quelle di bambini e bambine, ragazzi e ragazze, che dopo lunghi e pericolosi tragitti raggiungono le coste siciliane e calabresi. Tra questi, oltre a quelli che affrontano tali "viaggi della speranza" con uno o entrambi i genitori, vi sono quelli che giungono qui da soli e senza un adulto cui far riferimento.
Sono adolescenti, tra i 15 ed i 17 anni, eritrei, egiziani, somali, siriani.
Per dare qualche numero, dei 21.241 migranti giunti via mare nei primi otto mesi del 2013, vi erano 2596 donne e 3855 minori. Di quest'ultimi, 2908 erano minori non accompagnati.
Sfuggono poi ad ogni rilevazione i minori in transito, che non chiedono protezione alle autorità italiane cercando di rimanere "invisibili" in Italia e di raggiungere più facilmente i Paesi del Nord Europa.

Come detto, la crisi economica ha comportato una variazione di ingressi e presenze in riferimento all'età (maggiore presenza di minori) ed anche in riferimento al sesso.
Infatti, se in generale vi è stato un minore ingresso per motivi di lavoro, è da osservare che tale dato riguarda di più il lavoratore straniero di sesso maschile.
Alcuni dati del 2012: i permessi di soggiorno rilasciati son stati il 27% in meno rispetto all'anno precedente, con una flessione del 33% per gli uomini e del 19,5% per le donne. Quindi il numero di permessi è diminuito maggiormente per gli uomini rispetto alle donne.
La conseguenza di ciò è che oggi le donne migranti registrano una presenza maggiore rispetto al passato (specie se parliamo di Ucraine e Moldave). Nel 2011, esse erano il 44,1% degli ingressi totali. Oggi sono il 48,7%.
Oltre ad un incremento della presenza, le donne straniere mostrano una maggiore tendenza a rimanere in Italia ed a stabilizzarsi qui.
Anche se esse a volte partono da situazioni di svantaggio rispetto agli uomini (a parità di lavoro sono meno retribuite), in tante hanno trovato nell'esperienza migratoria un canale di emancipazione.

In considerazione di questi recenti cambiamenti nel fenomeno migratorio, e della rilevante presenza di famiglie di migranti, di donne e di minori stranieri, la Camera Civile di Perugia ha organizzato per il 17 gennaio 2014 (ore 9) una tavola rotonda dal titolo "Famiglie migranti e minori stranieri non accompagnati: normativa ed esperienze di tutela".
L'evento si terrà a Perugia presso la Sala della Partecipazione del Consiglio regionale (piazza Italia, n. 2), e vedrà la presenza come relatori di istituzioni pubbliche (Tribunale dei minori, Regione, Questura) e di associazioni operanti nel settore (A.S.G.I., O.I.M., Save the Children Italia, Arci, Mixtim).

---------

Camera Civile di Perugia.

Tavola rotonda:
"Famiglie migranti e minori stranieri non accompagnati: normativa ed esperienze di tutela."
17 gennaio 2014

Sala della partecipazione, Consiglio regionale, Palazzo Cesaroni
Piazza Italia n. 2 - Perugia.

Moderatrice: Avv. Beatrice Ranucci
__________
Sessione mattutina
(ore 9:00 -12:30)

9:00 - Saluti introduttivi.
Avv. Carlo Orlando, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Perugia.
Avv. Lucia Baldoni, Presidente della Camera Civile di Perugia.

9:30 - La realtà locale e le politiche di intervento.
Dott.ssa Carla Casciari, Vicepresidente della Regione Umbria, Assessore regionale a welfare, istruzione e immigrazione.

10:00 - Il fenomeno dell’immigrazione nei suoi riflessi sul processo minorile.
Dott. Sergio Cutrona, Presidente del Tribunale per i Minorenni di Perugia.

10:30 - Coffee break

11:00 - Famiglia e minori nel testo unico sull’immigrazione.
Avv. Daniela Consoli, Foro di Firenze, A.S.G.I. (Associazione Studi Giuridici Immigrazione)

11:30 - Le recenti modifiche al testo unico sull'immigrazione in tema di contrasto alla violenza in ambito familiare.
Dott.ssa Maria Letizia Tomaselli, dirigente Divisione Polizia amministrativa, sociale e dell’immigrazione, Questura di Perugia.

12:00 - Conclusioni.
__________
Sessione pomeridiana
(ore 15:00 - 18:00)

15:00 – Minori stranieri non accompagnati ed indagini familiari.
Dott.ssa Anna Giustiniani, O.I.M. (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni).

15:30 – La Legal Clinic sui diritti dei minori.
Dott.ssa Antonella Inverno, Responsabile Policy and Law, Save the Children Italia.

16:00 – Minori stranieri non accompagnati: la tutela in Italia.
Avv. Lorella Mercanti, Foro di Perugia, Associazione Mixtim.

16:30 – Famiglie, minori e diritto d’asilo.
Dott.ssa Silvia Rondoni, Arcisolidarietà Ora d’aria.

17:00 – Jus soli e dintorni: minori stranieri ed acquisto della cittadinanza italiana.
Avv. Francesco Di Pietro, Foro di Perugia, A.S.G.I. (Associazione Studi Giuridici Immigrazione)

17:30 - Conclusioni.

__________
E’ possibile prenotare la partecipazione all'evento, sino ad esaurimento dei posti disponibili, inviando una mail a: cameracivileperugia@libero.it

L'evento è accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Perugia con l’attribuzione di n. 5 crediti formativi.

La partecipazione all’evento è gratuita.





Inserito domenica 5 gennaio 2014


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4737877