12/12/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Benessere animale e lotta al randagismo

Benessere animale e lotta al randagismo
Le osservazioni di Cittadinanzattiva al disegno di legge proposto da Dottorini

Venerdì 7 febbraio u. s., presso la Sala Partecipazione del Consiglio Regionale dell'Umbria, il Presidente della III Commissione Consiliare ha presentato, ai fini della partecipazione di quanti interessati, il disegno di legge regionale “Benessere animale, tutela degli animali di affezione, prevenzione e controllo del randagismo” predisposto dal Consigliere Oliviero Dottorini.
Cittadinanzattiva, da sempre sensibile ai temi riguardanti la salute collettiva, il benessere degli animali ed in corretto equilibrio uomo-animale-ambiente, è stata presente a tale incontro apportando un proprio rilevante contributo, avendo peraltro partecipato attivamente nella stesura di tale provvedimento legislativo.
Presenti numerosi rappresentanti di Associazioni animaliste, dei cacciatori, dei Comuni e dei Servizi Veterinari della Regione e delle Aziende Sanitarie Locali, ne è emersa una approfondita analisi del testo che, a parere di chi scrive, ha fatto emergere le seguenti principali considerazioni:

1. dopo circa 20 anni dalle ultime disposizioni legislative regionali su tali materie, va dato merito a chi ha voluto attualizzare la normativa, che si auspica possa essere al più presto portata all'attenzione del Consiglio Regionale per la sua approvazione, anche in considerazione della accresciuta sensibilità dell'opinione pubblica sul tema del rapporto dell'uomo con animali di affezione;

2. il testo presentato mostra grande equilibrio tra diritti degli animali, obblighi dei detentori e coinvolgimento delle istituzioni pubbliche (Regione, Comuni, Servizi Veterinari delle Asl) e delle Associazioni di volontariato animaliste;

3. alcune interessanti osservazioni e proposte (individuazione di un numero telefonico unico per la segnalazione di animali feriti o vaganti; norme più stringenti sulle adozioni, specie quelle internazionali, e sul controllo degli impianti dei microchip ai fini dell'identificazione; tempestività nella denuncia delle nuove cucciolate) possono agevolmente trovare accoglimento nel testo base presentato dal Consigliere Dottorini, in quanto non ne stravolgono le finalità e la portata sociosanitaria.



Cittadinanzattiva

Inserito giovedì 13 febbraio 2014


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4945964