22/05/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Festa umbra per il Bartoccio

Festa umbra per il Bartoccio
Le Giornate del Bartoccio 2014 (dedicate a Marco Vergoni): domenica 16 febbraio all'auditorium S. Cecilia la travolgente musica popolare umbra dei Sonidumbra

Primo grande appuntamento con i concerti delle Giornate del Bartoccio per domenica 16 febbraio, alle ore 17,30 all’Auditorium S. Cecilia: suoneranno, e canteranno, i Sonidumbra, l’ormai celebre gruppo che ha ricercato e riproposto in questi anni tanti brani della tradizione musicale popolare umbra, con lo spettacolo Festa umbra.

Il titolo richiama l’intensa attività di promozione culturale che gli stessi Sonidumbra hanno avviato da tempo per creare occasioni di festa intorno alla musica popolare e ai balli tradizionali: festival e incontri sul maggio, sulle pasquelle, sul saltarello, e così via. E’ così che la musica di tradizione, che era quasi scomparsa con la fine del mondo mezzadrile, è tornata a vivere in feste, sagre, fiere, e ha mantenuto una sua vitalità ed ha dato l’opportunità agli umbri di ri-cantare e ri-ballare su motivi che riconnettono a un loro passato, quasi sempre sconosciuto e marginalizzato. E la festa umbra così ritrovata e riscoperta si è presentata come una foto d’album che riaccende la memoria, come una testimonianza significativa del nostro percorso storico, che può passare alle nuove generazioni con la freschezza e la piacevolezza di sempre.

Animatore dei Sonidumbra è Marco Baccarelli, che suona fisarmonica ed organetto; con lui c’è la vibrante voce della cantante Barbara Bucci; gli altri musicisti sono Gabriele Russo al violino, chitarra battente e mandolino, Luca Piccioni alla chitarra, Franz Albert Mayer al contrabbasso, Massimiliano Dragoni al tamburello e alle percussioni.

Il concerto sarà anche l’occasione per la presentazione dei due nuovi cd incisi dai Sonidumbra: Festa umbra e Filomè: il primo è un omaggio agli storici gruppi umbri di musica popolare, che hanno operato soprattutto negli anni ‘70 e hanno inciso dei dischi, consentendo di conservare e tramandare un grande repertorio musicale, come L’Altra Spoleto, la Brigata Pretolana, Vincenzo Foglietta, ecc. Il secondo, Filomè, è invece dedicato alla riscoperta, fatta dal gruppo, di una diversa tradizione musicale, quella delle “storie” cantate, delle ballate e degli stornelli, storie spesso arrivate in Umbria attraverso le vie più disparate e rielaborate a livello popolare: si pensi alle ballate ascoltate dai nostri soldati durante la Grande Guerra e poi riportate nelle veglie o durante la scartocciatura del granturco.

Insomma, una serata divertente e coinvolgente, all’insegna della musica più travolgente della nostra tradizione, che riapre una pagina culturale di grande valore.



La Società del Bartoccio

Inserito domenica 16 febbraio 2014


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4650354