26/05/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Collestrada: il presidio contro le devastazioni

Collestrada: il presidio contro le devastazioni
Il dissenso nei confronti del gasdotto e della ipotizzata autostrada è massimo; pertanto, gli amministratori comunali e regionali farebbero bene a tenerne conto

Sabato 22 Febbraio 2014, a Collestrada, di Perugia  il presidio
organizzato dal comitato UMBRO CONTRO LE DEVASTAZIONI TERRITORIALI ha visto la partecipazione di duecento cittadine/i di tutte le età e di organizzazioni politiche e sociali, che hanno esposto striscioni e
cartelli, incentrati su idee semplici, ma fondamentali:
- CHI DEVASTA I TERRITORI DEVASTA LE NOSTRE VITE.
- "TERRORISTA" È CHI SPECULA E DEVASTA I TERRITORI, NON CHI LI DIFENDE E RESISTE!
- NO ALLA TRASFORMAZIONE DELLA E45 IN AUTOSTRADA.
- NO ALLA REALIZZAZIONE DEL GASDOTTO TRANS-ADRIATICO/APPENNINICO (TAP).
Quest'ultimo folle progetto non solo sfregerebbe per sempre la bellezza dell'Umbria "Cuore verde d'Italia"  creando gravi dissesti idrogeologici  verrebbe costruito proprio nelle zone di più elevata e riconosciuta sismicità.
Un dato particolarmente significativo è senza ombra di dubbio il
seguente: oltre mille automobilisti hanno rallentato, per prendere i
volantini, mostrando di condividerne il contenuto e solidarizzando con
coloro che stavano al presidio.
Come è facilmente intuibile, il dissenso nei confronti del gasdotto e
della ipotizzata autostrada è massimo; pertanto, gli amministratori
comunali e regionali farebbero bene a tener conto di questo elemento.
Come logica conclusione di questo comunicato, riportiamo la parte
iniziale del volantino, che bene sintetizza le ragioni di questa lotta:
"In tutta Italia, la logica del Neoliberismo impone di realizzare grandi opere che, dietro alla vuota promessa di crescita ed occupazione, devastano comunità e territori per offrire al Dio Mercato beni comuni come la Terra, l'Aria, l'Acqua.
L'Umbria non fa eccezione.
Grazie alla complicità del potere politico locale, le popolazioni vedono i loro territori calpestati dalla continua cementificazione, dalla privatizzazione dei servizi pubblici, da inceneritori e da cementifici in cui si bruciano rifiuti, da progetti di centrali a bio-gas, da pale eoliche e sfruttamento geotermico; ora, a tutto questo, si aggiungono la realizzazione del gasdotto trans-adriatico (Tap) e la trasformazione dell'E45 in autostrada".
Questa prima riuscita mobilitazione popolare ha costituito il contributo dell'Umbria alla GIORNATA NAZIONALE CONTRO LE DEVASTAZIONI
AMBIENTALI e di SOLIDARIETÀ AI NO TAV arrestati, che ha visto decine e decine di manifestazioni percorrere la Penisola dalla Val Di Susa alla Sicilia.



Comitato umbro le devastazioni territoriali

Inserito giovedì 27 febbraio 2014


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4656759