15/09/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Il Bartoccio torna ad essere un simbolo di identità cittadina

Il Bartoccio torna ad essere un simbolo di identità cittadina
Concluse le Giornate del Bartoccio 2014 (dedicate a Marco Vergoni). Grande successo di tutte le iniziative, forte coinvolgimento di borghi e rioni

Le note del Trescone del Bartoccio, ritmate dagli applausi del pubblico sotto le arcate della Sala dei Notari, hanno suggellato la conclusione di questa indimenticabile edizione delle Giornate del Bartoccio: quindici giorni di festa, con convegni, concerti, laboratori, riproposte e riscoperte, che hanno coinvolto sempre un gran numero di Perugini ed anche di ospiti della città.
Il carnevale è stato esplorato in tutti i suoi aspetti, dai più popolari come il ballo, il canto, la musica,  le maschere, il cibo, il teatro, il gioco delle carte, il riso ed il divertimento, fino a quelli più attenti alla ricerca ed alla riscoperta dei filoni più profondi dell'identità cittadina, dal dialetto alla poesia dialettale ai luoghi di aggregazione e di divertimento. In ogni occasione, il pubblico è accorso numeroso ed entusiasta, disposto a lasciarsi coinvolgere in una divertente e piacevole avventura.
L'aspetto forse più significativo del Carnevale 2014 è stato il forte coinvolgimento delle numerose associazioni dei borghi e dei rioni, che hanno riscoperto nel Bartoccio un simbolo dell'identità storica cittadina ed hanno dato vita a una miriade di iniziative, soprattutto di laboratori creativi, culminate nel Carnevale in piazza, in cui il Bartoccio è tornato ad essere anima e bandiera del carnevale perugino. Così le Giornate del Bartoccio hanno potuto intrecciarsi ed integrarsi, quest'anno, con la vitalità di una città e in particolare del suo centro antico, che vuol affrontare i suoi problemi e i suoi mali non con le lamentazioni ma riscoprendo le proprie risorse, soprattutto culturali e relazionali.
Una città viva è una città in cui gli abitanti riescono ad esprimere a pieno la propria cultura, a riscoprire e a reinventare le proprie tradizioni.
Questo vuol essere il Bartoccio: irriverente e appassionato, creativo e fondato sulla tradizione.
Le Giornate del Bartoccio hanno dato un forte contributo in questo senso: e l'intento, ovviamente, è quello di continuare, se possibile, l'anno prossimo!
Un ringraziamento va a tutti e tutte coloro che hanno partecipato all'organizzazione degli eventi, a tutto il lavoro volontario che ha reso possibile la realizzazione e il successo delle Giornate.




La Società del Bartoccio

Inserito lunedì 3 marzo 2014


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4814770