19/01/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Contro l’omofobia

Contro l’omofobia
L’episodio conferma quanto sia importante un lavoro in profondità sull’identità personale, di genere, sociale, di specie e all’ascolto dei propri e altrui bisogni

L’incredibile episodio della minaccia di denuncia ai professori del liceo classico Giulio Cesare di Roma che hanno consigliato ai loro studenti la lettura del bel libro di Melania Mazzucco ‘Sei come sei’ nel quadro del programma ministeriale di educazione al contrasto dell’omofobia richiama alla mente anni bui della nostra storia.
Gli studenti del liceo Parini di Milano processati per aver pubblicato sul giornalino ‘La Zanzara’ un’indagine sulla sessualità degli studenti.
Il processo al professor Aldo Braibanti di Piacenza.
Gli attacchi della cultura di destra nel ‘Borghese’ a Pasolini e Visconti.
Non mancano episodi recenti preoccupanti: suicidi di ragazzi ‘fragili’ esposti alla gogna telematica e a episodi di bullismo a scuola.
Ritiro dei libri acquistati da una consigliera delle pari opportunità del comune di Venezia per i bambini dei nidi e delle scuole dell’infanzia comunali perché suscettibili di provocare ‘turbamento’ in quanto presentano modalità diverse di essere-fare famiglia.
Blocco del programma ministeriale contro l’omofobia da parte di associazioni di genitori schierati a difesa della ‘famiglia’. Quando sappiamo che una famiglia chiusa in se stessa nasconde e coltiva il disagio, il senso lacerante della diversità, trasmissione di stereotipi e a volte violenze, e che solo l’apertura e la contaminazione creano adeguati anticorpi contro la violenza di genere e l’intolleranza.
Il Movimento di cooperazione educativa, che sviluppa fra i propri valori la pratica dell’accoglienza delle diversità, dell’educazione alla parità e alle relazioni, esprime la propria solidarietà all’autrice Melania Mazzucco, al centro di una campagna diffamatoria, e ai professori del Giulio Cesare indicati al senso comune quali ‘mostri’ rei di insegnare la devianza e la trasgressione.
L’episodio conferma quanto sia importante un lavoro in profondità sull’identità personale, di genere, sociale, di specie e all’ascolto dei propri e altrui bisogni.
 
Movimento di Cooperazione Educativa



Segreteria Nazionale Mce

Inserito martedì 6 maggio 2014


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4450252