20/07/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Michele lo vogliamo libero subito

Michele lo vogliamo libero subito
Perché Brushwood è una storia disonesta la cui morale è: Lo Stato non è neutro, non è arbitro, è strumento dei poteri economici, politici, militari, giudiziari e mediatici

 

Spoleto, 10 luglio 2014: Pochi minuti fa alle ore 16,40, tre agenti di PS hanno prelevato Michele dalla sua abitazione per condurlo nel carcere di Maiano di Spoleto. E' l'ultimo atto di una storia disonesta, battezzata dagli stessi organizzatori Brushwood. Per noi, da ora, inizia una battaglia quotidiana per la liberazione immediata di Michele.
Nei due allegati l'ordine esecutivo di carcerazione
Comitato 23 ottobre


MICHELE LO VOGLIAMO SUBITO LIBERO PERCHE' BRUSHWOOD E' UNA STORIA DISONESTA LA CUI MORALE E':

Lo Stato non è neutro, non è arbitro, è strumento dei poteri economici, politici, militari, giudiziari e mediatici che dominano il sistema dei rapporti sociali in Italia.

Se sei anarchico e hai venti anni e sei accusato di terrorismo, per te ci sarà l'arresto preventivo, farai 400 giorni di reclusione, per nove mesi ti terranno in isolamento e nel carcere speciale e chiederanno per te 9 anni dietro alle sbarre, poi in appello ti diranno che l'associazione sovversiva non c'era e ti condanneranno a 2 anni e tre mesi. (Michele Fabiani)

Se sei Generale, Comandante dei ROS dei carabinieri, e sei accusato di traffico di stupefacenti, di armi, e anche di peculato e associazione a delinquere, reati per i quali ti verranno richiesti 26 anni di carcere, non solo non farai un giorno di prigione, ma dopo essere stato condannato a 14 anni, avrai la solidarietà del Ministro degli Interni e continuerai a Comandare per anni il Reparto Speciale dell'Arma fino alla pensione. (Generale Giampaolo Ganzer)

Se continuerai ad essere anarchico non importerà se sono pa ssati 7 anni, se ti sei sposato, laureato, se hai fatto il servizio civile con Legambiente e collabori con una Casa Editrice, perché quando la Cassazione dirà che i 2 anni e tre mesi sono la pena che ti meriti, ti verranno a prendere di nuovo per portarti in prigione. (Michele Fabiani)

Se sei ricchissimo e sei un politico di questo stato, accusato di corruzione, peculato, di reati fiscali e sessuali, dalle procure di mezza Italia, quando la tua prima Cassazione dirà: 4 anni; non finirai in prigione ma passerai un po' del tempo della tua condanna a concertare con il Presidente del Consiglio le future Istituzioni del Paese. (Silvio Berlusconi)

Ma anche se non sei così importante potrai avere un trattamento di riguardo, quando ti arresteranno con l'accusa di associazione a delinquere e corruzione, per te ci saranno gli arresti "buoni" dei domiciliari, in fin dei conti non sei un Sindaco Comunista scomodo, né uno "stronzo terrorista" (l'architetto Fabio Zita della Regione Toscana secondo la Lorenzetti) ma presiedi Italfer e hai governatol'Umbria. (Maria Rita Lorenzetti)

E' lo Stato di sempre che "assolve" dalle pene dei loro reati e protegge dai meccanismi delle sue leggi la propria "ragione sociale" e i propri servitori mentre punisce gli oppositori, al di là di ogni certezza e credibilità delle accuse.

Non accettiamo perciò come parenti, amici e compagni di Michele l'ingiustizia di ciò che si fa chiamare giustizia, non ci rassegniamo ad essa, protestiamo e torniamo a lottare, a denunciare la verità e chiediamo l'immediata libertà per Michele.



Comitato23Ottobre

Inserito venerdì 11 luglio 2014


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4732491