20/04/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Proroga al transito dei camion per la discarica di Borgo Giglione

Proroga al transito dei camion per la discarica di Borgo Giglione
la strada Sant’Antonio-Belveduto limitrofa alla Villa di Colle del cardinale. Si devono accertare i nuovi dati sui conferimenti dei rifiuti e sulla durata dell’impianto, e si devono prendere impegni concreti per ridurre i rifiuti e di conseguenza il via vai abnorme dei camion

ALLA FACCIA DELLE NORME, CHE DA OLTRE UN SECOLO TUTELANO IL PAESAGGIO ED I BENI STORICO-ARTISTICO-CULTURALI DI UN’AREA COSÌ PREZIOSA E DELICATA COME QUELLA CHE CIRCONDA LA VILLA “COLLE DEL CARDINALE”!
ALLA FACCIA DEGLI SFORZI ANCHE FINANZIARI INTRAPRESI NEGLI ULTIMI ANNI PER RESTAURARE LA VILLA STESSA E RIDARLE LA SUA IDENTITÀ DI “CONVIVIO CULTURALE”!
APPROVATA LA PROROGA AL TRANSITO DEI CAMION DEI RIFIUTI SULLA STRADA S.ANTONIO-BELVEDUTO!
“La località sopra richiamata costituisce un'unità paesistica di notevole interesse pubblico, in quanto esempio di spontanea concordanza e fusione tra l'espressione della natura e del lavoro umano, e costituisce pertanto un complesso di cose immobili avente valore estetico e tradizionale, godibile dalle strade di accesso e dalla corona di crinali a confine del bacino visuale della villa”.
E LA SFREGIAMO PROPRIO ORA CHE PERUGIA VUOLE DIVENTARE LA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA?
La Regione ha approvato con una Determinazione Dirigenziale del 09/07/2014 la richiesta presentata dalla soc. Gest srl “per scongiurare il rischio di interruzione di pubblico servizio”, “essendo gli Enti interessati ancora impegnati nello studio di ipotesi di viabilità alternativa per/da Borgogiglione” (!).
Non vengono accolte le documentate ragioni avanzate a giugno da quest’Osservatorio, con il supporto degli esperti del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia, ma si interviene per “il permanere di gravi ragioni di interesse pubblico”, come dichiarato dalla Società Gestore nella relazione integrativa.
QUALCUNO HA VISTO DAVVERO IN QUESTI MESI L’EMERGENZA E IL RISCHIO INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO?
La proroga dura al massimo 18 mesi, non ulteriormente prorogabili: si affida alla Società Gest - non ai Sindaci dell’Ati2 né alla Regione - “l’adozione di tutte le misure necessarie per garantire la risoluzione delle problematiche inerenti la viabilità di accesso alla discarica di Borgogiglione nel più breve tempo possibile”, compito oltremodo arduo, in verità, visto che nei due anni passati vi si sono cimentati senza costrutto tanti amministratori comunali e regionali.
Si richiama la stessa Società a “garantire il trasporto dei rifiuti per e dalla discarica di Borgogiglione in condizioni di massima sicurezza e garanzia ambientale, e ad utilizzare per lo stretto necessario [sic!] la strada Sant’Antonio-Belveduto limitrofa al complesso monumentale ‘Villa Colle del cardinale’ in loc. Colle Umberto, Perugia”.
CI ASPETTIAMO UN PRONUNCIAMENTO IN PROPOSITO DAI SINDACI DEI COMUNI PIÙ DIRETTAMENTE INTERESSATI E DALLA RINNOVATA AUTORITÀ DELL’AMBITO TERRITORIALE, PER RIDARE UN MINIMO DI DIGNITÀ ED AUTOREVOLEZZA ALLE ISTITUZIONI CHE RAPPRESENTANO.
L’ASSESSORE REGIONALE TIRERÀ FUORI DAL CILINDRO UN CONIGLIO ALL’ULTIMO MOMENTO?
Per l’Osservatorio la ricerca di una soluzione duratura e responsabile non può prescindere dalla revisione del Piano di ampliamento della discarica, approvato nel gennaio 2012: si devono accertare i nuovi dati sui conferimenti dei rifiuti e sulla durata dell’impianto, dopo l’eccezionalità delle 198 mila tonnellate del 2013, e si devono prendere impegni concreti per ridurre i rifiuti e di conseguenza il via vai abnorme dei camion.
E non bisogna dimenticare che portare i rifiuti in discarica costituisce "la peggiore opzione ambientale, tenendo conto degli impatti sanitari, sociali ed economici": una pratica residuale condannata alla fine anche dalle normative nazionali ed europee ma che continua a rappresentare una comoda scorciatoia per alcuni amministratori pigri o distratti dal canto delle sirene interessate all’impiantistica dello smaltimento finale e della produzione di Css più che ai bisogni di salute e di risparmio in bolletta dei loro cittadini.
 



L’Osservatorio Borgogiglione

Inserito mercoledì 13 agosto 2014


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4595406