15/09/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Innovazione, qualità e sostenibilità: successo per Fa' la cosa giusta!

Innovazione, qualità e sostenibilità: successo per Fa' la cosa giusta!
Cittadini prima che consumatori. Oltre diecimila presenze


Pubblico per la maggior parte umbro, presenze significative anche da Marche e Lazio, con numerosi turisti provenienti dall'estero e dalle altre regioni dello Stivale. Senza dimenticare gli oltre 500 studenti delle scuole di ogni ordine grado che hanno partecipato ai laboratori nelle mattinate di venerdì 3 e sabato 4 ottobre. Appuntamento nel 2015 a Umbriafiere

La chermesse del consumo consapevole e degli stili di vita sostenibili: a Bastia Umbra 3 giorni, 170 banchi, 200 eventi e oltre 10.000 presenze

Bogliari, Umbriafiere: “Fa' la cosa giusta! è un'esperienza quindi da ripetere anche per il grande interesse mostrato dai tanti visitatori consapevoli che la qualità della vita, se ricercata, esiste”.
Gasbarrone, Fair Lab: “Il grande successo di questa tre giorni – spiega la Gasbarrone – è il frutto del lavoro di una rete che ha visto muoversi verso la stessa direzione istituzioni pubbliche, imprese e società civile”.

Cittadini prima che consumatori, in Umbria l'equazione è reale. Si è conclusa domenica, con un lusinghiero risultato “di pubblico e critica”, la prima edizione di Fa' la cosa giusta! Umbria, chermesse dedicata al consumo consapevole e agli stili di vita sostenibili, ospitata negli spazi del polo espositivo Umbriafiere di Bastia dal 3 al 5 ottobre. Oltre diecimila le presenze, per tre giorni ricchi di eventi, dibattiti e momenti di approfondimento dedicati alle diverse anime e ai diversi aspetti della sostenibilità. Una mostra mercato che ha visto la partecipazione di oltre 170 aziende, in rappresentanza di un tessuto economico e sociale sempre più vivo, che riesce a tenere insieme la produzione e la commercializzazione di beni e servizi con il rispetto dell'ambiente e del sistema locale in cui produce e distribuisce i propri prodotti. Aziende, associazioni, professionisti, piccole e medie imprese che rappresentano l'economia reale del Paese, un'economia che produce reddito e occupazione senza lasciare ricadute negative sul territorio, un'economia, in altre parole, sostenibile. Tante le realtà provenienti dall'Umbria a dimostrazione che nella nostra regione c'è chi investe, innova e riesce a realizzare margini.

E a fronte di un'offerta di qualità (e quantità), ottima è stata la risposta del pubblico, per la maggior parte umbro ma con presenze significative anche dalle Marche e dal Lazio. Numerosi i turisti, provenienti dall'estero e dalle altre regioni dello Stivale, arrivati in Umbria per le celebrazioni di San Francesco che hanno poi deciso di trascorrere il proprio tempo anche a Fa' la cosa giusta! Umbria. Senza dimenticare gli oltre 500 studenti delle scuole di ogni ordine grado che hanno partecipato ai laboratori nelle mattinate di venerdì 3 e sabato 4 ottobre.

“Il grande impegno e la professionalità mostrata dagli organizzatori - sottolinea in una nota Lazzaro Bogliari, presidente di Umbrifiere SpA - hanno reso possibile un evento unico, che ha avuto come obiettivo la presenza qualitativa di molti espositori e un nutrito programma di dibattiti e laboratori ad alto contenuto culturale. Questo è un segnale importante per i centri fieristici che sono chiamati ad ospitare e organizzare manifestazioni:economia e cultura insieme possono inviare messaggi positivi a quanti, oggi sempre più numerosi, sono interessati a condividere un percorso che avvicini la società al prossimo futuro. Un'esperienza quindi da ripetere anche per il grande interesse mostrato dai tanti visitatori consapevoli che la qualità della vita, se ricercata, esiste”.

Un entusiasmo sintetizzato dalle parole di Nicoletta Gasbarrone, presidente di Fair Lab, la giovane società umbra di professionisti specializzati nel settore della comunicazione e dell'organizzazione di eventi che ha organizzato la chermesse. “Il grande successo di questa tre giorni – spiega la Gasbarrone – è il frutto del lavoro di una rete che ha visto muoversi verso la stessa direzione istituzioni pubbliche, imprese e società civile. Questa prima edizione di Fa' la cosa giusta! ci conferma che anche in Umbria, e nel centro Italia, c'è un mondo che fa della sostenibilità ambientale e sociale una caratteristica distintiva della propria azione. La prossima sfida che ci aspetta è non solo l'organizzazione dell'edizione 2015, ma far si che la rete costituita continui ad essere viva ed attiva durate tutto l'arco dell'anno”.

La manifestazione è stata realizzata in collaborazione con Umbriafiere, con il patrocinio e il contributo dalla Regione Umbria e con il patrocinio del Comune di Bastia, Arpa Umbria e Cna Umbria. Fa' la cosa giusta! Umbria è sostenuta da Società di mutuo soccorso Cesare Pozzo e da Novamont. Un percorso nato dall'incontro con Terre di mezzo Editore (casa editrice che organizza da 11 anni a Milano l'edizione nazionale di Fa' la cosa giusta!), che è stato condiviso con le istituzioni regionali e locali, le più importanti organizzazioni economiche umbre e le diverse anime della società civile regionale (nel comitato promotore dell'iniziativa figurano infatti Acli, Arci, Cittadinanzattiva, Cgil, Cisl, Uil, Legambiente, Libera e Forum del Terzo settore)


Ufficio stampa Fa' la cosa giusta! Umbria

Tel 075 33390 – 349 2903197

Email: stampa@falacosagiustaumbria.it

www.falacosagiustaumbria.it




Inserito mercoledì 8 ottobre 2014


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4814766