22/11/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Un romano a Peruggia

Un romano a Peruggia
Un testo brillante e pungente, infarcito di temi di scottante attualità, di scena giovedì 12 febbraio al teatro Bicini

Le Giornate del Bartoccio 2015

Nell’ambito delle Giornate del Bartoccio 2015 andrà in scena al Teatro Franco Bicini, in via del Cortone (zona Corso Cavour), giovedì 12 febbraio alle ore 18, “Un romano a Peruggia”, un divertente monologo teatrale scritto e interpretato da Valerio Corvisieri con la partecipazione di Simona Rossi. La voce del “romano” è irriverente e graffiante e racconta i fatti (e i misfatti) della storia perugina, esaltandone gli aspetti involontariamente comici o grotteschi. Un testo brillante e pungente, infarcito di temi di scottante attualità, con cui compiere una virtuale visita alla città accompagnati da una guida molto sui generis.
Mescolando realtà e invenzione, tutti i monumenti e i grandi personaggi vengono dissacrati senza pietà, con una puntigliosità infantile, dispettosa e ricca di fantasia che scatena l’umorismo, cui danno man forte giochi di parole e clamorosi anacronismi. Dagli etruschi alle stragi del 1859, con le improbabili apparizioni di Totò, Claudio Baglioni, Zidane e Materazzi, ogni cosa narrata è spolpata fino all’osso all’insegna di un romanissimo eufemismo. Il testo letto/interpretato dall’autore è accompagnato dagli interventi di una valletta, stile ragazza dei cartelli della boxe, mentre su uno schermo si susseguono le immagini che concorrono efficacemente all’effetto comico dell’insieme. Avvertenza dell’autore: “si v’offennete, nun ce venite!”.

L’autore, Valerio Corvisieri, scrittore e ricercatore storico indipendente specializzato in biografie, è già noto nella nostra città per aver scritto il volume “Gli Spagnoli e Perugia” (ali&no editrice, 2010), originale ricostruzione storica ricca di testimonianze, ricordi e documenti inediti, che diviene un osservatorio privilegiato per la memoria storica cittadina. Diplomato alla Libera Accademia del Teatro di Arezzo, è autore e interprete di monologhi umoristici (“Accelerazioni”, “Un romano a Firenze” e “Un romano ad Arezzo”). La sua commedia “Perché condominio inizia per Condom” ha ottenuto il Premio Helios Passione Drammaturgia (2013) e la Medaglia di Bronzo al XXXII Premio Firenze (2014).




Inserito mercoledì 11 febbraio 2015


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4911891