20/01/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Per una seria opposizione al Gasdotto Brindisi Minerbio

Per una seria opposizione al Gasdotto Brindisi Minerbio
E alla devastazione territoriale che il Gasdotto Brindisi Minerbio provocherà! Gli unici valori economici degli Appennini sono il territorio plasmato dall'uomo nei secoli, il paesaggio, e l'ambiente


Sabato 21 febbraio 2015 alle ore 16, a Foligno -Umbria-, presso la libreria Carnevali, c'è stato un incontro riguardo il GasDotto Brindisi Minerbio indetto dal Comitato No Devastazioni Territoriali Umbria.

Hanno partecipato cittadini provenienti da Gualdo Cattaneo, Foligno, Assisi ,Spoleto , Perugia, Associazioni culturali e sportive, l'Associazione Casa Rossa Di Spoleto, Cobas PG, Il M5S di Foligno,Unione Sindacale di Base PG.
Il Comitato NO TUBO (Abruzzo Marche Umbria) No Al Gasdotto Brindisi Minerbio , non ha potuto partecipare ma c'è stato comunque un contatto telefonico con suoi esponenti.
I cittadini e le citate organizzazioni hanno deciso di mantenersi in contatto e di fare azioni comuni al fine di contrastare lo scellerato progetto.

Alla fine dell'incontro s'è anche stabilita questa comune e pubblica dichiarazione=
"Il Gasodotto Brindisi/Minerbio sta procedendo rapidamente verso la conclusione del procedimento per la sua autorizzazione. INFATTI E' stata fissata a Roma presso il ministero dello sviluppo economico MARTEDì 24 febbraio alle ore 10, la conferenza dei servizi per autorizzare la costruzione del Metanodotto nel tratto Sulmona Foligno, artatamente separato dall'opera definitiva che partendo da Brindisi arriverà a Minerbio passando appunto, per Sulmona e Foligno.
Sono state convocate le Regione ABRUZZO,UMBRIA, LAZIO,MARCHE, Le Provincie dell'Aquila, Perugia, Macerata, Pescara, Rieti, le comunità montane e i 26 comuni interessati all'attraversamento dell'Opera.
Di fronte a un governo nazionale che appare schiacciato sulle posizioni della Snam e che disattende la risoluzione della Camera dei Deputati che impegna il Governo a far modificare il percorso del tracciato, le delibere degli enti locali, per prime le regioni, contrarie al progetto, possono avere un peso solo se sostenuti da una conseguente azione politica e se si mettono in capo tutti i mezzi tecnici e legali atti a contrastare il devastante progetto della Snam.
Ma da parte delle Regioni Umbria e Marche s'è assistito solo a dichiarazioni di facciata, pertanto rivolgiamo un appello alle categorie produttive e alle associazioni=CHE FACCIANO SENTIRE LA LORO VOCE!!
Gli unici valori economici degli Appennini sono il territorio plasmato dall'uomo nei secoli, il paesaggio, l'ambiente, e ora rischiano di venire in modo irreparabile distrutti con la costruzione dell'ennesima inutile costosa e supposta GRANDE OPERA."

Cittadini liberi e indipendenti di
Gualdo Cattaneo, Foligno, Assisi, Spoleto, Perugia.
Comitato No Devastazioni Territoriali Umbria
ASSOCIAZIONE CASA ROSSA DI SPOLETO
Cobas PG
M5S Foligno
Unione Sindacale di Base PG




Inserito mercoledì 25 febbraio 2015


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4453186