24/06/2024
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Mense scolastiche: il gruzzoletto che fa gola al Comune

Mense scolastiche: il gruzzoletto che fa gola al Comune
I Comitati Mensa virtuosi e le lunghe mani del Comune, che li vuole relegare al ruolo di spettatori impedendo loro anche la funzione di controllo e monitoraggio

In questi tempi di crisi Perugia ha ancora una grande risorsa: i genitori dei Comitati Mensa.
Sono loro che, grazie ad una Convenzione, fanno mangiare bene i nostri figli facendo tesoro della parte delle rette che gira loro il Comune: 40 dei 50 euro versati mensilmente come retta per servizio mensa per ogni bambino.
E con questi spiccioli, neanche 2 euro a pasto, i genitori fanno miracoli: alimenti biologici, dop e igp, km zero, fornitori locali, filiera corta. E sono anche riusciti a far inserire le stoviglie in ceramica, dopo lunghe battaglie, e sono sempre lì sul pezzo a spuntare le fatture, a controllare la qualità dei prodotti, a gestire il denaro con oculatezza: come dei buoni padri di famiglia,  come vorremmo farlo noi se solo potessimo.
Una sorta di angeli protettori.
E sono talmente virtuosi che pur ottenendo la massima qualità dei prodotti riescono anche a risparmiare qualche euro per destinarli ai progetti scolastici e per supportare la scuola nelle piccole e medie necessità e tutto senza dover richiedere   troppi contributi alle famiglie già vessate da mille balzelli e con le tasche sempre più vuote.
Ma il Comune ha messo gli occhi su questi 40 euro a bambino, che moltiplicato per tutti gli alunni che usufruiscono della mensa fanno una cifra a 6 zeri, per un totale di quasi 6 milioni di euro in 3 anni di appalto. E con la scusa della "anomalia" della gestione degli acquisti delle derrate da parte dei genitori, sta ben pensando di cedere di fatto a terzi la gestione dei servizi .
Ma siamo sicuri che questa manovra giovi alle famiglie?
Mettere gli acquisti in gara non garantirà certamente il controllo continuo e paterno-materno dei genitori.
Forse si ottimizzeranno i costi con economie di scala,  ma a beneficio di chi e a quale prezzo?
E chi assicurerà che i nostri figli avranno sempre il massimo della qualità nel cibo?
Di sicuro non più i Comitati mensa, che il Comune vuole relegare al ruolo di spettatori impedendo loro anche la funzione di controllo e monitoraggio.
Li vorrebbe lasciare sullo sfondo  senza dare loro più voce in capitolo
Così dei soldi potrà disporre come crede, e pazienza, poi, se il cibo e il servizio saranno un po' più scadenti e se i genitori dovranno poi sborsare soldi per qualsiasi iniziativa e necessità della scuola: l'importante è dimostrare di aver recuperato denaro per le casse del Comune.
E potrebbero esserci anche altre sorprese in quel bando tenuto nel cassetto: la chiusura di qualche cucina interna, tanto per dare un'altra sforbiciata,  con grave peggioramento al servizio,  e un bell'aumento delle rette. Tanto si sa che in tempi di crisi bisogna stringere la cinghia..
La verità è tuttavia molto diversa: le famiglie non hanno che da perdere in questa nuova gestione che il Comune, l'unico a beneficiarne, già pregusta.
Ma se c'è un bene da salvaguardare su tutto, è certamente quello dei nostri ragazzi.
E a difenderlo sono pronti a scendere in campo i genitori,  che hanno deciso  di non collaborare al nuovo "progetto" del Comune ed esprimono  il proprio dissenso, un dissenso politico, l'unica arma che vale contro le spesse mura di questa istituzione .
Sono pertanto in programma un’assemblea cittadina,  presìdi in diverse scuole del territorio e una campagna  a tappeto rivolta a  tutte le famiglie interessate dal servizio.
E cosa sceglierà il Comune tra il bene pubblico e quello dell'amministrazione comunale il cui interesse sembra essere solo il recupero di denaro da destinare ad altri capitoli si spesa facendo diventare il  corrispettivo di un servizio una vera e propria tassa per le famiglie.
I genitori sono lì ancora una volta a battersi per i diritti dei nostri bambini. Non saranno soli in questa battaglia? Non questa volta. Perché tutti noi siamo anche genitori.  
 



Genitori impegnati nei Comitati Mensa del Comune di Perugia

Inserito venerdì 27 marzo 2015


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 7090371