20/05/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Barba e cappello: la primavera si tinge di jazz

Barba e cappello: la primavera si tinge di jazz
A maggio, un repertorio fresco e personale muovendosi tra jazz e sperimentazione

Dopo il successo della serata inaugurale continuano gli appuntamenti dedicati al live sperimentale.  

Continua il ciclo di incontri a ingresso gratuito dedicati interamente al Jazz ogni giovedì al Caffè Morlacchi. Il ricco cartellone prevede la partecipazione di giovani talenti provenienti da tutta Italia e dal mondo delle accademie musicali e musicisti già affermati sulla scena umbra.

La rassegna che prende il nome di Hat and Beard proporrà ogni volta un repertorio fresco e personale muovendosi tra jazz e sperimentazione. Una occasione di scambio e arricchimento per tutti, appassionati e curiosi.

Si parte con il prossimo incontro, giovedì 7 maggio con il trio “Agnifili, D’isanto Paris” che propone un repertorio che spazia da composizioni originali a "standard"  della tradizione pop/rock (Nirvana, Beatles, Radiohead). Tutto, ovviamente, riletto in chiave jazzistica, con un sound insolito ed accattivante. Lorenzo Agnifili al Piano, Pietro Paris al Contrabbasso e Fabio D’Isanto alla batteria.

Si continua con Giovedì 14 Maggio con Urpe, un progetto nato dall'incontro di due musicisti provenienti da percorsi diversi che spaziano dall'armonia tipica della tradizione Jazzistica alla ritmicità complessa ed esaltante della tradizione percussionistica afro caraibica, interpretando in questa chiave le melodie struggenti degli standard della musica latina e del jazz. Al pianoforte Manuel Magrini e alle percussioni Roberto Gatti.

Giovedì 21 si prosegue con lo Swingtet duo che porta in scena uno spettacolo che si ispira stilisticamente alla tradizione zingara alsaziana,  dal padre fondatore Django Reinhardt alle varie contaminazioni  che fino ad oggi hanno reso vitale e “moderno”  lo swing-manouche. I contenuti autoriali e strumentali collocano il concerto in una dimensione odierna mentre il tipo di strumentazione (acustica)  comunica una sensazione di sapore retrò “sempreverde”. Su questo binario a cavallo fra la tradizione zingara europea, lo swing d’oltreoceano e la canzone d’autore italiana , si produce un’alchimia nuova  ed originale, un suono che strizza l’occhio al mediterraneo. Maurizio Geri alla chitarra e voce, Giacomo Tosti alla fisarmonica.

A concludere il mese di maggio Giovedì 28 con il TOBIA & MICHELE BONDESAN Duo che porta sul palco le sonorità delle popolazioni del passato e del presente usate come riconoscimento di collettività, come centro della cerimonia collettiva. La restituzione di questo senso intenso di comunicazione in Significato universale e primitivo, di ancestrale scambio di sensi fisici é la chiave del duo Tobia Bondesan al Sax Tenore e Michele Bondesan al Contrabbasso.

Hat and Beard non si ferma qui e continuerà per tutto il mese di giugno con altre quattro date tutte all’insegna del Jazz.





Inserito martedì 5 maggio 2015


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4646733