24/06/2024
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Lo spazio pubblico è uno spazio di libertà

Lo spazio pubblico è uno spazio di libertà
Se uno spazio torna ad essere pubblico, poi s'incomincia ad usarlo per la funzione per la quale è stato pensato. In questo caso, libero luogo che lascia liberi i bambini d'inventarsi liberi giochi

Dopo aver inviato una lettera al Vescovo ausiliario di Perugia chiedendogli di prendersi a cuore il sagrato di Monteluce m’ero ripromesso di non scrivere più sulle piazze mattonate.

Che altro avrei potuto scrivere o dire su quegli spazi che pur essendo tutti e tre davanti a delle chiese se ne fosse disinteressata anche la Diocesi di Perugia?

Dopo che già con il loro silenzio avevano dimostrato di disinteressarsene il sindaco Andrea Romizi che le ha in custodia ed i suoi predecessori che le avevano volute, per non parlare di Fai ed Italia nostra di Perugia?

Purtroppo, al silenzio degli altri si è unito quello del Vescovo Paolo, evidentemente più impegnato di Papa Bergoglio che ogni tanto alza la cornetta del telefono e chiama.

Devo dire che l'indifferenza dell' "élite" della città è compensata dall'interesse di semplici cittadini di Perugia che continuano a mostrare foto delle piazze perugine, mattonate e non, aggredite dalle auto. Si sta pure formando, ed anche questo non poteva mancare, il codazzo dei piccoli opportunisti che cercano di far proprio questo civico malcontento.

Io, invece, vorrei far vedere una foto in controtendenza. È di un po' di tempo fa, mostra alcuni bambini che giocano sul sagrato della chiesa di Monteluce. A riprova che se ad uno spazio pubblico gli si consente di essere tale, poi s'incomincia ad usarlo per la funzione per la quale è stato pensato. In questo caso, libero luogo che lascia liberi i bambini d'inventarsi liberi giochi.



Vanni Capoccia

Inserito mercoledì 6 maggio 2015


Commenta l'articolo "Lo spazio pubblico è uno spazio di libertà"

Commenti

Nome: Alessio Relli
Commento: Non riesco a capire l'incaponimento del Comune nel non far rispettare una sua piazza. C'è pure il parcheggio del nuovo supermercato che è gratis ed adiacente alla chiesa. Eppure non fanno niente. Non so se vi hanno informato, ma è iniziato lo spostamento delle fioriere: una bottina oggi, una domani... Per fortuna che i residenti più civili alzano il paletto

Nome: Franco Paci
Commento: "Piazza libera Piazza" sempre e non solo quando ci sono le comunioni

Nome: Anna Rosa Passeri
Commento: E' tempo perso sperare che Italia nostra dica qualche cosa per difendere le piazze con i mattoni dai parcheggiatori abusivi. Hanno il timore di danneggiare il loro ex Presidente ora vicesindaco ed anche bloccati da quello che temono lui penserebbe di loro.

Nome: Gina
Commento: Quello che dicono sia successo ieri mattina con le comunioni è la conferma che una piazza libera favorisce i liberi giochi come è scritto nel testo. Se ne saranno resi conto i parcheggiatori abusivi?

Nome: Achille
Commento: Sono un inguaribile ottimista. Forse ieri mattina c'era in chiesa il Vescovo ed avrà detto qualche cosa nell'orecchio al parroco

Nome: Paolo Benedetti
Commento: Oggi la piazza mattonata era libera. Indovinate perché? Ci giocavano i bambini della comunione ed i loro amichetti. Quindi si può tenere libera anche la domenica! Allora è solo maleducazione e prepotenza di pochi contro i più!

Nome: Claudio Belladonna
Commento: Stamattina alla chiesa di Monteluce c'erano le Comunioni (o le Cresime) ed il paletto i parroci non l'avevano abbassato. Il sagrato era libero a disposizione di bambini e familiari. A dimostrazione che il posto auto si può trovare senza invadere il sagrato. A riprova che è solo una questione di mancanza di rispetto verso una piazza che è di tutti

Nome: Serena Fatti
Commento: Non parcheggiare davanti a delle chiese è una forma di rispetto. non parcheggiare dove non si può è una forma di rispetto, Non parcheggiare sopra il mosaico di ceramica di santo Stefano e il rosone di Monteluce è una forma di rispetto. Far rispettare le disposizioni del Comune da parte del Sindaco è una forma di rispetto verso il bene comune ed i cittadini per bene che pagano le tasse.

Nome: Dori Verdi
Commento: Caro Vanni, ma il vicesindaco era Lello Rossi apposta c'era Piazza dolce Piazza... Con quello di oggi c'è "Tu parcheggia che io non vedo"

Nome: Fabio Milletti
Commento: e pensare che a Monteluce e sant'Agostino basterebbe un lucchetto... E' inutile girare intorno al problema: sindaco, vicesindaco e giunta vogliono che si parcheggi nelle piazze mattonate. La Polizia municipale l'ha capito benissimo e non si fa vedere. Così come l'hanno capito le associazioni che tacciono per non disturbare chi attualmente comanda

Nome: Vanni
Commento: Nella pagina Facebook della Mutuo Soccorso Angelo Velatta ha fatto notare che "a metà degli anni novanta, vicesindaco Lello Rossi, si cominciò a fare per il XX Giugno la tombola in Piazza (della Repubblica). Nelle altre piazze si faceva "Piazza bella Piazza" con i bambini delle scuole" .

Nome: Alessio Relli
Commento: Bello. Il finale poi è molto bello. Io spero sempre che quella che la Perugia che ama Perugia vi legga. Che si ricordino che Italia nostra vuol dire nostra (come hanno sottolineato) e Fai vuol dire "fai per il tuo Paese" e non fai finta di non vedere, fai finta che c'è sempre altro da fare

Nome: Andrea Dozi
Commento: Comunque la protesta sul parcheggio abusivo al centro della città sta montando, tanti perugini stanno riaprendo gli occhi

Nome: Costanza Ciabatti
Commento: Torno sull'intervista che Il Messaggero aveva "regalato" ai barellieri id Perugia Ieri Oggi e Domani nella quale si ergevano a difesa delle piazze dal traffico, tentando di impossessarsi del vostro impegno e di quello di chi vi scrive. Intervista che avevano messo in grande evidenza nella loro pagina, per poi farla subito sparire od occultandola nel mare dei post. La stessa cosa, gli intervistati (dal giornalista che avevano invitato nel loro incontro alla sala del Dottorato) hanno fatto nei loro profili personali... qualcuno più in alto di loro gli ha imposto di farlo?

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 7090640