21/03/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Ecco come abbiamo combattuto a Gaza

Ecco come abbiamo combattuto a Gaza
Testimonianze dei soldati israeliani dell’"Operazione Margine protettivo" del luglio-agosto 2014

BREAKING THE SILENCE [ROMPERE IL SILENZIO] http://www.breakingthesilence.org.il/
Organizzazione Non Governativa fondata da soldati e veterani israeliani per raccogliere le testimonianze di chi svolge o ha svolto servizio militare nei territori palestinesi occupati.

Ecco come abbiamo combattuto a Gaza
Testimonianze dei soldati israeliani dell’"Operazione Margine protettivo" del luglio-agosto 2014
.
http://us8.campaign-archive2.com/?u=74133baa00bece6467cded211&id=1177266197&e=674d482ffc


Nel corso degli ultimi mesi abbiamo raccolto le testimonianze di circa settanta ufficiali e soldati che hanno partecipato all'operazione "Protective Edge" a Gaza nell'estate del 2014. Ora rendiamo note queste dichiarazioni le quali dipingono un quadro preoccupante della politica di fuoco indiscriminato dell'Idf [Israeli Defence Force –forze armate israeliane] che direttamente ha provocato la morte di centinaia di civili palestinesi innocenti. Le testimonianze che abbiamo raccolto mostrano un drastico cambiamento nelle norme di combattimento della Idf. Valori guida dell'Idf, come il principio della "purezza delle armi"  - che impone che i soldati usino la quantità minima di forza necessaria e "mantengano la loro umanità, anche in combattimento" - sono stati trascurati o addirittura ignorati dall'Idf.

Le regole d'ingaggio erano le più permissive mai incontrate da noi di Breaking the Silence. I soldati hanno ricevuto informazioni fuorvianti, secondo le quali le attività dell'Idf dovevano svolgersi in aree prive di civili. In realtà, le forze entrarono in settori in cui erano rimasti civili innocenti, e talvolta anche intere famiglie. Molti soldati hanno testimoniato che gli ordini che hanno ricevuto erano di sparare per uccidere ogni persona avvistata nella zona. Durante tutta l'operazione, l'IDF ha sparato migliaia di colpi di artiglieria imprecisi in quartieri residenziali e provocato distruzioni di massa di infrastrutture e abitazioni civili. In molti casi, questa distruzione è avvenuta senza alcuna chiara giustificazione operativa e dopo che le forze di terra avevano già "ripulito" e abbandonato la zona. Molte case residenziali sono state bombardate, dalla terra e dal cielo, al fine di "dimostrare la presenza sul territorio", o anche come azione punitiva.

Il nostro direttore esecutivo, Yuli Novak, ha così commentato le testimonianze che abbiamo raccolto:

"Dalle testimonianze di ufficiali e soldati emerge il quadro preoccupante di una politica di fuoco indiscriminato che ha portato alla morte di civili innocenti. Queste testimonianze sono la dimostrazione del profondo dissesto etico delle regole di ingaggio dell'esercito israeliano, e di come questo fallimento riguardi il livello superiore della catena di comando; non è semplicemente il risultato di 'mele marce'. Come ufficiali e soldati, sappiamo che le indagini militari interne trovano sempre capri espiatori tra i soldati semplici piuttosto che concentrarsi sulla politica. Il pubblico [israeliano] deve sapere quali missioni i suoi figli sono stati inviati a svolgere, e secondo quali norme l'IDF agisce in suo nome. Chiediamo l'istituzione di una commissione d'inchiesta esterna sull'IDF che indaghi la politica che sta dietro alle regole di ingaggio definite durante l’operazione "Bordo di protezione", e le norme e i valori che sono alla base di questa politica.''  Crediamo che il pubblico abbia il diritto di conoscere la verità su quello che è successo a Gaza nell'estate del 2014.

Sosteneteci e aiutateci a diffondere queste informazioni condividendo le testimonianze dei soldati direttamente dalla nostra pagina Facebook, account Twitter e il canale YouTube.  Visitate il nostro sito web http://www.breakingthesilence.org.il/protective-edge dove è possibile leggere tutte le testimonianze dei soldati e guardare il video-testimonianza dei soldati dell’operazione Protective Edge.

--------
Operazione Margine protettivo: Una guerra combattuta contro i bambini di Gaza  di Defense for Children International Palestine

http://www.forumpalestina.org/news/2015/Maggio15/9-5-15_Guerra-Combattuta-Contro-Bambini.htm

L’ambasciatore palestinese all’ONU, Riyad Mansour, ha inviato una lettera aperta al Consiglio di Sicurezza chiedendo che Israele sia portato davanti alla giustizia per le violazioni e gli abusi contro i bambini palestinesi.
http://www.forumpalestina.org/news/2015/Maggio15/5-5-15_Denuncia-Abusi-Bambini.htm




Inserito martedì 12 maggio 2015


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4544016