19/06/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Il Comune dà le mense al privato e ci rimette 72000 euro

Il Comune dà le mense al privato e ci rimette 72000 euro
Con tanti saluti alla partecipazione, e agli investimenti nella didattica e nelle strutture

Sono uno dei presidenti dei comitati dei genitori e a fronte dell'esito del bando per il servizio di refezione per gli asili posso dire che non mi stupisce affatto che l'abbia spuntata chi già ci lavora in questo ambito, chi è già presente nelle cucine, nelle mense, insomma chi già sa come funziona.
E come logica conseguenza di ciò non mi stupisce che invece dello sbandierato risparmio calcolato attorno si 200000/250000 euro, per le casse comunali dovrebbe esserci un maggior esborso di circa 72000 euro.
Con tanti saluti agli investimenti nella didattica e nelle strutture.
La cooperativa che gestisce il mio polo, tra le vincitrici dell'appalto, seppur nei confronti del sottoscritto ha sempre avuto un atteggiamento corretto, non ha mai smesso di mostrare contrarietà al fatto che fossi io a decidere cosa e da dove comprare le derrate alimentari.
Sono padre di tre figli di cui due piccoli e per loro ho deciso di dedicare parte del mio risicato tempo libero alla questione... "cosa mangiano i miei figli e gli altri bambini all'asilo"... e nonostante il mio lavoro già di per sé complicato mi impegni parecchio ho sempre pensato e tutt'ora ne sono convinto di aver fatto e di fare la cosa giusta, il tutto gratia et amore dei nonostante i maligni o la voce del padrone insinui diversamente.
Due cose voglio aggiungere, la prima è che sono pronto in qualsiasi momento a fornire i codici del c/c bancario a chiunque voglia per curiosità constatare come è la gestione dei comitati, dei genitori, tutto tracciato e trasparente fino al centesimo.
La seconda, visto che mi piace scrivere, è più lunga, si tratta di un aneddoto di cui voglio rendervi partecipi e che semplifica il concetto di attenzione alla qualità del cibo e slla salute del bambino di un genitore rispetto a qualsiasi altro soggetto.
Tempo addietro fui telefonicamente dal responsabile della cooperativa che gestisce la cucina del mio polo il quale mi informa che ha alcuni problemi sull'acquisto di patate, in quanto alle due cuoche presento in cucina è stata riconosciuta una malattia professionale e pertanto non possono più pelare tutta quella quantità di tuberi a mano.
Continuò dicendomi che il problema poteva essere risolto in due modi, acquistare un pela patate professionale, ipotesi caldeggiata anche dalla Asl, oppure acquistare ,con un piccolo esborso maggiore di danaro, patate già pelate ma congelate.
Mi rappresenta che la seconda ipotesi per loro è la migliore, chiaramente botte piena e moglie ubriaca, e mi chiede se si può fare visto che hanno già trovato il fornitore e la soluzione sarebbe già pronta per il menù della settimana successiva.
A quel punto chiedo un paio di giorni di tempo per pensarci.
Nel frattempo mi informo sulle patate surgelate già pelate.
Chiamo prima la Asl e poi un centro biologico per la nutrizione privato. Il responso è unanime...testualmente mi dicono entrambe che trattasi di alimento altamente sconsigliato da somministrare ad un bambino. A quel punto richiamo il responsabile della cooperativa al quale riporto il tutto e naturalmente gli dico che per quanto mi riguarda la soluzione unica resta il pela patate e così è stato.
Ma...ma...ma...se non ci fosse stato il genitore, il papà, che si fosse informato...chissà...
Da settembre non ci sarà...
A buon intenditor poche parole ed io per questa vergognosa vicenda già ne ho spese troppe!!!

(da fb)



Vincenzo D'Acciò

Inserito venerdì 21 agosto 2015


Commenta l'articolo "Il Comune dà le mense al privato e ci rimette 72000 euro"

Commenti

Nome: Claudio Belladonna
Commento: Pare che non sia proprio così, nel senso che grosso modo ci sarà un bilancio. Comunque la sostanza non cambia considerato che Waguè aveva parlato di 100-2000.000 euro di risparmio he ci saranno solo se i genitori non useranno la mensa in massa

Nome: Antonio Fratini
Commento: Bravo papà . Fossero tutti così !

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4689895