25/05/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Bartocciata ta quije che je se spicca ben l'inglisc'

Bartocciata ta quije che je se spicca ben l'inglisc'
Anco lassù da le poltrone rósce ntol gran palazzo del Comune nostro ce pàrlon con parole furistiere... Bartoccio mio, ce fregono a la granne

Bartoccio mio, pol’èsse che me ’nvecchio
e nun capisco più come va ’l monno,
come tocca discurre nco la gente.
Fin’a jére dicemme «zzitellone»
adè pare più bulo dije «single».
Fin’a jere dicemme «gì d’acordo»
adè pare più mejo avecce ’l «feeling».
Fin’a jere, struppiate de fatiga,
pensamme ta la «festa dla dméneca»
adè ’l pensiero fisso è ntol «week-end».

Anco lassù da le poltrone rósce
ntol gran palazzo del Comune nostro
ce pàrlon con parole furistiere
e è tutto ’n dì de «brand» e «city car»
de «model project» e de «regeneration»
de «story telling» e de «management».
«Management»… «management»… Mannaggia!
N’ t’arcorda già ncol sòno i maneggione
che ntrùschiono j’affare da per lore?

Che sarà ma’ sta robba? ’Nne ’l capisce?
Sol de na cosa me par d’èsse sigura:
Bartoccio mio, ce fregono a la granne
come faceva quil prete de na volta
con tutto ’l su latino ta quil frego
ch’i volevon rubbaje la ragazza.
Dal dialetto a l’inglese sen cadute
quanno ncora n’ sapemo l’italiano
per campà nto na spèce de Babele
dua ce faronno batte ’l cul per terra.



La Rosa de Bartoccio

Inserito martedì 13 ottobre 2015


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4654561