13/11/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> La Rosa e 'l Marino

La Rosa e 'l Marino
Ariva a passe granne ’l giubbileo e gnuno curre a facce marameo. Lu je mpicciava nton tutta sta bagarra per quisto honno montato la gazzarra!


«M’è da spiegà come camina ’l mónno
Bartoccio mio, ché ncó nun veggo ’l fónno!
De fasse ngaullà da du’ scontrini
che press’al gran rubbà èn brusquolini!»

«Rosina bella, cocchina e pu fiorosa,
adè te ’l dico io com’è la cosa:
l’hònno chiappato ’n fallo come a ’n fesso
e la fine, poretto, s’è dimesso.

Éva pistato i calli guaso a tutti:
bottegai ’mpiegati farabutti
preti palazzinari fannulloni
polèsse ta mignotte e ta papponi.

Gnòn dato pace quje de la stampa
che ruspanno nti débboli ce campa.
Amici nun ce n’éva ntol partito
dua festéggion adè che se n’è gito,
doppo avéllo lassato da lu solo,
senza che c’ésse del fisic’ l rolo.

Ariva a passe granne ’l giubbileo
e gnuno curre a facce marameo.
Lu je mpicciava nton tutta sta bagarra
per quisto honno montato la gazzarra!
Toccava de fa presto a mannal’ via
sinnò ’nne ’l sò che giubbileo sarìa!»



la Rosa del Bartoccio

Inserito mercoledì 14 ottobre 2015


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4899787