20/09/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Polveri sottili e minimetrò

Polveri sottili e minimetrò
Auto dappertutto, che lascianoo le loro polveri sottili dove passano: eppure abbiamo un Minimetrò; perché invece di ignorarlo il Comune non lo pensa come una risorsa?


Bastava andare in Centro in questi giorni per vedere l'idea di città che ha la destra che governa Perugia. Auto dappertutto, in doppia fila, davanti al Consiglio regionale in barba anche alle più elementari norme di sicurezza. Auto che poi, per arrivare fino a lì, salgono verso la città vecchia lasciando le loro polveri sottili dove passano e che l'alta pressione schiaccia verso il basso. Polveri nocive che i primi a respirare saranno i nostri bambini. Ed è assolutamente vergognoso che chi su questi temi protestava veementemente, come il vicesindaco Barelli, contro la giunta Boccali oggi che è al governo della città e dovrebbe contrastarli oggi taccia.
Eppure abbiamo un Minimetrò, tanto per fare un esempio; perché invece di ignorarlo il Comune non lo pensa come una risorsa da utilizzare? Perché non lo guarda come strumento al servizio della mobilità alternativa? Perché non fanno la stessa cosa gli ambientalisti?
Costa troppo? Ci si batte per abbassarne il prezzo. Ha gli orari di chiusura sbagliati? Si lotta per cambiarli. È proprio da sciocchi fare del Minimetrò uno strumento utile per battaglie ideologiche, invece che considerarlo una risorsa per i cittadini e per la loro salute. Un servizio per fare di Perugia una moderna città europea, basta muoversi per le città dell'Europa occidentale per accorgersi che sono molte quelle che hanno strumenti di mobilità uguali o simili al nostro Minimetrò che vengono usati perché le amministrazioni di quelle città hanno preso decisioni che ne favoriscono (spesso obblighino) al suo uso.



Alessandro Felici


Inserito mercoledì 30 dicembre 2015


Commenta l'articolo "Polveri sottili e minimetrò"

Commenti

Nome: Agnese Bastia
Commento: Grazie per aver riportato il Mnimetrò al centro dell'attenzìone e per far parlare del trasporto alternativo

Nome: Lucio Lolli
Commento: Perché per esempio non fanno degli abbonamenti per i cittadini a basso costo (più corse prendi e meno paghi)?

Nome: Lorella Agnizzoli
Commento: Dopo l'inaugurazione del Minimetrò non hanno preso misure che favoriscano il suo uso. Perché a pian di Masssiano non viene spostata la stazione sosta dei caravan? Perché lì non si fermano i pulmann dei Turisti? Perché la stazione autobus non viene spostata alla Cupa dove c'è una fermata Minimetrò?

Nome: Fabio Milletti
Commento: Il problema del Minimetrò è il prezzo del biglietto. Lottare per farlo ridurre è una lotta a favore del Minimetrò. Poi va tenuto aperto almeno il venerdì ed il sabato fino a tardi

Nome: Giuseppe Gigli
Commento: E' la cosa giusta da fare. Un approccio razionale al Mnimetrò. E scopriremmo che questo mezzo di trasporto collettivo è alternativo a quello molto più inquinante su gomma sia privata che pubblico. E' veramente una risorsa della quale va incentivato l'uso

Nome: Francesca Berioli
Commento: Una considerazione molto interessante. E' vero il Minimetrò è una risorsa, basta solo che si voglia che lo sia

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4820727