23/03/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Il baratto amministrativo a Torgiano

Il baratto amministrativo a Torgiano
Un tranquillo M5S nel locale Consiglio comunale

TORGIANO - Assai partecipata e completa di validissimi punti all'ordine del giorno, l'assemblea del
Consiglio Comunale torgianese svoltasi alle ore 18 di martedì 29 Dicembre.
Per il punto concernente la possibilità di introdurre anche a Torgiano il cosiddetto "Baratto
Amministrativo", funzione presente già in numerosi altri Comuni umbri, tra maggioranza ed opposizione
si è ricordato come l'idea di parlarne anche nella città del vino sia sì prevenuta dal Movimento Cinque
Stelle locale "ma era, comunque, già presente nel nostro programma" - hanno precisato Andrea Vitali
(da ieri non più vicesindaco, in quanto ufficialmente dimissionario) e sindaco Marcello Nasini.
Comunque, centrosinistra ed amministrazione comunale hanno discusso dei vari parametri "su cui
potrà poggiare tale azione: essa riguarda la possibilità di aiuto alle famiglie che non possono
permettersi di pagare le tasse, in tutto od in parte, quindi si potrebbe far svolgere lavori utili al contesto
del territorio del comune" - si è appreso ieri nella assise locale.
Il Movimento 5 Stelle Torgiano ha successivamente espresso la sua più ampia
soddisfazione "per l'approvazione unanime in Consiglio Comunale della nostra richiesta protocollata i
data 19/12/2015. Ciò non può che farci piacere anche se, come ha dichiarato l'ormai ex vicesindaco
Andrea Vitali, era un po' di tempo che la maggioranza ci stava riflettendo sopra....prendiamo atto che la
tendenza a cavalcare l'onda sia una caratteristica diffusa nei partiti e spesso anche nelle
amministrazioni locali. Ma per noi non è importante rivendicare, come sarebbe legittimo, la paternità
dell'iniziativa bensì solamente che questa necessaria proposta venga concretamente implementata, a
beneficio di tutti i cittadini di Torgiano che versano in gravi difficoltà economiche".
La maggioranza ha poi illustrato le condizioni a cui il Comune di Torgiano potrebbe aderire per quanto
riguarda il miglioramento del segnale internet nel territorio "e per la banda larga. Stiamo attendendo
maggiori delucidazioni per i contributi che sarebbero utili, siamo speranzosi, ma di certo sarebbe arduo
procedere a migliorie se ci lasceranno con una percentuale maggiore al 50% delle spese da attingere
alle casse comunali, in caso per esempio si parli di 150.000 e 150.000 euro" - ha aggiunto
l'amministrazione.
Lievi contestazioni, inconprensioni per quanto concerne l'argomento riunioni pre-consigli comunali
(riguardanti le commissioni) tra l'oppositore Ferroni e la maggioranza nelle personalità di Persia,
sindaco ed altri. Alla fine delle discussioni, non vi è stata alcuna frizione.



Michele Baldoni


Inserito venerdì 1 gennaio 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4549433