24/01/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> La guerra legale della Distilleria

La guerra legale della Distilleria
Rigettata la richiesta di una penale di due milioni di euro al comitato popolare “I Mulini di Fortebraccio”: è un riconoscimento ufficiale della dignità del volontariato ambientalista locale. Adesso certe forze democratiche dovranno chiedersi perché non abbiano mai fatto opposizione a imprese “a rischio”, sorte sulle rive del Tevere per le probabili protezioni politiche

 
La notizia che il Tribunale Civile di Perugia “ha rigettato” la richiesta della Distilleria di Ponte Valleceppi di imporre una penale di due milioni di euro al comitato popolare “I Mulini di Fortebraccio” per i gravi danni all’attività dell’azienda per le denunce espresse a mezzo stampa, è un riconoscimento ufficiale della dignità del volontariato ambientalista locale.

È, questo, un movimento di opinione complesso formato da associazioni ambientaliste di livello nazionale e internazionale e i tanti comitati popolari. Anche se in questo periodo sta vivendo una fase di ombra soprattutto perché ultimamente utilizzato strumentalmente nelle elezioni amministrative.

Adesso dovranno ricredersi anche tutti coloro che hanno sempre considerato con sufficienza l’impegno di tanti cittadini che sono stati accusati via via di “vittimismo cosmico”, di essere “signori no” e via dicendo. Per non parlare dei comitati che sono stati accusati  di “interessi particulari” perché perseguirebbero solo obiettivi privati e provvisori.

Adesso anche certe forze democratiche dovranno chiedersi perché non abbiano mai fatto opposizione a quelle aziende che si sono sentite attaccate tanto da presentare denunce alla Magistratura in un tentativo intimidatorio violando diritti costituzionali come il principio di libertà di espressione e critica.

Comunque va ribadito con forza che imprese “a rischio”, sorte sulle rive del Tevere per le probabili protezioni politiche e per mantenere aperti spazi elettorali, vanno assolutamente trasferite altrove. Così come è stato proposto pubblicamente nel programma delle due liste civiche di riferimento all’attuale assessore comunale all’ambiente.
 



Lauro Ciurnelli, ambientalista

Inserito domenica 10 gennaio 2016


Commenta l'articolo "La guerra legale della Distilleria"

Commenti

Nome: Andrea Dozi
Commento: La colpa di chi si è impegnato per l'ambiente è quella di aver dato spazi e visibilità a persone che non la meritavano perché pensavano solo a come soddisfare la propria ambizione ed il proprio ego. E mi riferisco all'attuale vicesindaco. E di averlo dato di conseguenza ad Italia Nostra che da quando Pietro Scarpellini ne ha lasciato la guida è diventata la cinghia di trasmissione di queste ambizioni e continua a farlo anche ora con l'attuale presidente ex Pci, ora Forza Italia. In parole povere la politica deve stare da una parte l'ambientalismo deve da lei essere autonomo e questo vale nei confronti del partito di Beppe Grillo

Nome: Alessio Relli
Commento: C'è stato un uso strumentale delle battaglie ambientaliste, per l'esattezza da parte dell'attuale vicesindaco vittima della sua sfrenata ambizione e dei suoi accoliti, per cui da un lato c'è chi non si fida più di chi propone temi come questi, dall'altro non c'è nemmeno voglia di proporre battaglie come queste per non incappare più nel Barelli di turno

Nome: Costanza Ciabatti
Commento: L'aver utilizzato battaglie sacrosante come quella della distilleria o quella di san Bevignate per fini non ambientalisti ma per soddisfare sfrenate ambizioni personali, ora tarpa le ali all'ambientalismo cittadino. Ci vuole un bel coraggio a fare qualcosa con Italia Nostra, dopo l'utilizzo che ne ha fatto l'attuale autocivico vicesindaco e dopo che hanno messo a sostituirlo uno che non ha noente da invidiare a Dramane Waguè quanto a cambio di casacche: dal Pci all'ambientalismo passando per forza Italia

Nome: Carla Lolli
Commento: "utilizzato strumentalmente nelle elezioni amministrative". DA CHI?

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4460476