22/05/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Al Borgo Sant'Antonio tradizionale festa per il Santo protettore degli animali

Al Borgo Sant'Antonio tradizionale festa per il Santo protettore degli animali
Numerose le iniziative celebrative. Alle 17, l'ingresso del Bartoccio e della Rosa da Porta Sant'Antonio  
Come da tradizione, anche in Corso Bersaglieri, si festeggerà, domenica 17 gennaio, Sant’Antonio abate, protettore degli animali. Lungo il borgo, prenderanno il via una serie di appuntamenti di carattere celebrativo, culturale, ludico e gastronomico., promossi dall'Associazione Borgo Sant'Antonio Porta Pesa.
La festa di Sant'Antonio al Borgo è ormai una manifestazione entrata nel cuore degli abitanti e non solo. Ad essere protagonisti saranno, infatti, anche dagli animali domestici che, accompagnati dai propri “padroni”, potranno partecipare senza restrizioni agli eventi in programma.
Le solennità ufficiali si apriranno con la celebrazione della Santa Messa da parte di S.E. Mons. Paolo Giulietti, la processione per le vie del Borgo della statua del Santo eremita, la distribuzione del “dolcepane” di Sant’Antonio e la benedizione degli animali.
Saranno organizzate visite guidate agli oratori e il giro in calesse per scoprire le bellezze del Borgo e fare conoscenza con alcuni animali domestici.
Il giorno della festa, inoltre, sarà svelata, sulla "piazzetta del porcellino",  la statua in pietra raffigurante il Santo realizzata dal Maestro Daniele Mancini.
Non mancherà la consueta mostra–mercato allestita da artigiani con prodotti unici, realizzati a mano, che richiamano le tradizioni di Sant'Antonio. Novità di quest’anno sarà il “mercato verde” dedicato al principale ortaggio di stagione, il cavolo. L’ortaggio sarà presentato in tutti i suoi colori e forme, grazie alle aziende agricole locali presenti, e sarà la base dei menù a tema dell’Osteria La Lumera e della Bottega San Giovanni.
Archeo food proporrà il laboratorio di cucina storica “Sant’Antonio e il cibo” a cura del Prof. Paolo Braconi con degustazione della pentolaccia con carne e cavolo.
Nel pomeriggio, alle ore 17.00 circa, spazio all’apertura del Carnevale di Perugia con l'ingresso della maschera del Bartoccio e della moglie Rosa da Porta Sant'Antonio a bordo di un calesse trainato da cavalli.
Mostre d’arte e spettacoli di strada faranno da cornice alla giornata.
Per la musica: da non perdere la mattina l'esibizione del coro “Stone eight” diretto dal Maestro Alberto Bustos e il concerto della banda “Cirenei” di Castel del Piano che si esibirà a conclusione delle celebrazioni.
La festa di Sant’Antonio in Corso Bersaglieri si conferma un appuntamento popolare a cui i cittadini sono chiamati a partecipare con i propri animali domestici e dove le tradizioni locali vengono rispettate seppur con un pizzico di innovazione. Divertimento, dunque, assicurato per tutti.



Inserito sabato 16 gennaio 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4650412