23/03/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Bruciare i rifiuti non annulla il bisogno di discariche

Bruciare i rifiuti non annulla il bisogno di discariche
Breve resoconto della Conferenza stampa del 20 Gennaio in Regione



 
Fabio Neri e Lucio Pala hanno illustrato le ultime sulla gestione regionale del ciclo dei rifiuti e le azioni di lotta avviate nei territori contro INCENERITORI e DISCARICHE.

Dito puntato contro il Decreto governativo cosiddetto “Sblocca Italia”, che finanzia la combustione dei rifiuti spacciandola come scelta obbligata per chiudere le discariche, e che prevede un inceneritore anche in Umbria.
Le dichiarazioni contrarie dell’Assessore all’Ambiente Cecchini e della Presidente Marini si sono rivelate finora contraddittorie e senza effetto all’atto pratico.

Reso pubblico il curioso carteggio tra Regione e Ministero dell’ambiente, a fatica emerso dalle nebbie puzzolenti che avvolgevano l’Umbria in queste settimane.

Sono stati presentati anche i risultati inequivocabili sui danni alla salute e alla qualità di vita della popolazione della Conca ternana attestati dallo studio nazionale SENTIERI promosso dal Ministero della Salute.

La scelta di bruciare i rifiuti non annulla, comunque, il bisogno di discariche, anzi le alimenta e insieme garantisce la lobby locale dei rifiuti: si vede anche dal Progetto di Razionalizzazione della discarica di Borgogiglione, appena approvato dalla Regione Umbria NONOSTANTE LE MOLTE CRITICITÀ RILEVATE NELLA GESTIONE DA AUTORITÀ D’AMBITO E ARPA e senza alcun coinvolgimento dei cittadini.
Continueranno ad affluire 120mila tonnellate annue di rifiuti in media per i prossimi 3 – 4 anni di vita residua della discarica. In barba a tutte le fumisterie sul Piano regionale e sul Css.

Dopo l’avvio dell’inchiesta della Magistratura perugina sulla gestione dei rifiuti in Umbria, alla Giunta non resta che giocare la carta dell’emergenza per far passare queste politiche, disastrose per la salute e l’ambiente – come si incomincia a capire leggendo gli allarmi sempre più accorati di oncologi e medici illustri e di studiosi ambientali non succubi dei tanti poteri di questo nostro Paese, non più “Il Bel Paese” – ed anche oltremodo dispendiose per le tasche dei contribuenti. I documenti portati all’attenzione dei giornalisti parlano di un possibile blocco della discarica di Borgogiglione entro poche settimane!

Dai territori viene rilanciata una STRATEGIA per abbattere finalmente i RIFIUTI in Umbria, un’alternativa concreta e sostenibile è possibile, supportata da cifre ed esperienze virtuose di altre regioni e comuni d’Italia.



Comitato No Inceneritori Terni e Osservatorio Borgogiglione

Inserito sabato 23 gennaio 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4547802