13/11/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Basta con le demolizioni di case in Palestina

Basta con le demolizioni di case in Palestina
Il Coordinatore Umanitario fa appello a Israele affinché fermi immediatamente le demolizioni nella Cisgiordania occupata e rispetti il diritto internazionale. Tra il 1° gennaio e il 15 febbraio 2016, le forze israeliane hanno distrutto, smantellato o confiscato 283 abitazioni

Gerusalemme, 17 Febbraio 2016

Il Coordinatore per le Attività Umanitarie e di Sviluppo delle Nazioni Unite per il territorio palestinese occupato (Tpo), Robert Piper, oggi ha chiesto l'arresto immediato alla distruzione delle proprietà palestinesi nella Cisgiordania occupata e il rispetto del diritto internazionale.

"Il numero di demolizioni soltanto nelle prime sei settimane del 2016 è molto allarmante", ha detto Piper. "Oltre 400 palestinesi sono stati cacciati dalle loro case - pari a oltre la metà del numero totale di palestinesi sfollati in tutto il 2015."

Tra il 1° gennaio e il 15 febbraio 2016, le forze israeliane hanno distrutto, smantellato o confiscato 283 abitazioni e altre costruzioni, dislocando 404 palestinesi, tra cui 219 bambini, e interessando altri 1.150 palestinesi che hanno perso strutture legate alla loro fonte di reddito.
Oltre 100 delle costruzioni demolite erano state fornite come assistenza umanitaria alle famiglie in difficoltà, spesso a seguito di una precedente demolizione. Questi fatti si sono verificati in 41 località palestinesi, molti in comunità di beduini o pastori palestinesi in Area C.

"La maggior parte delle demolizioni in Cisgiordania ha luogo in base alla spuria argomentazione legale che i palestinesi non possiedono i permessi di costruzione", ha detto Piper, "ma, in Area C, i dati ufficiali israeliani indicano che, in ogni caso, solo l'1,5% delle domande di autorizzazione palestinesi sono approvate. Quali alternative rimangono quindi a un palestinese rispettoso della legge?"

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite ha osservato che la suddivisione in zone e la pianificazione politica israeliana in Cisgiordania è restrittiva e discriminatoria. Secondo il diritto internazionale umanitario, la distruzione di proprietà in un territorio occupato è proibita se non assolutamente necessaria per operazioni militari. "Il diritto internazionale è chiaro - i palestinesi della Cisgiordania hanno il diritto ad un alloggio adeguato e il diritto a ricevere assistenza umanitaria", ha detto il Sig. Piper. "Come potenza occupante, Israele è obbligato a rispettare tali diritti".

Per ulteriori informazioni, si prega di contattare il Sig Ofir Feuerstein, +972 (0) 54 33 11 836.




Inserito venerdì 19 febbraio 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4898860