25/04/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Il Conservone di Montepacciano e le sue vene

Il Conservone di Montepacciano e le sue vene
Quello che sorprende maggiormente, oltre l'incuria, è la non volontà politica di salvaguardare una zona unica del nostro territorio


Il polmone verde della parte nord della città di Perugia, Montepacciano, con le sue vene e con i suoi resti del vecchio acquedotto medioevale, giace nell'abbandono più assoluto.

Il museo delle acque è inspiegabilmente chiuso, il parco limitrofo al vecchio conservone del '200 con il percorso che porta alla conserva delle acque del primo '900 è nell'abbandono più totale, il percorso pedonale è quasi scomparso in assenza di manutenzione e cura del verde.

E' veramente scandaloso l'abbandono da parte del comune di Perugia di quest'area ricca di storia e di un paesaggio unico. Quello che sorprende maggiormente, oltre l'incuria, è la non volontà politica di salvaguardare una zona unica del nostro territorio.

C'è da chiedersi come mai Italia Nostra, la giunta comunale e  il vicesindaco, sempre attento alle problematiche dell'ambiente siano silenti difronte ad un degrado di queste proporzioni.




Cesare Barbanera

Inserito martedì 23 febbraio 2016


Commenta l'articolo "Il Conservone di Montepacciano e le sue vene"

Commenti

Nome: Giap
Commento: vicesindaco "sempre attento"... a se stesso

Nome: Costanza Ciabatti
Commento: Vicesindaco "sempre attento" non direi. Una volta attento... forse

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4602604