07/12/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Tempi moderni

Tempi moderni
Caro Garibaldi mio, ta me me pare che stavolta 'n te basterion le bajonette. Quisti oltre che j'angiolette a cantà 'n cielo, e n'orchestra a sonà ntol Parlamento, ciònno anche i drone...

 Quan che scendo da i tre Arche
e vedo Garibaldi che me gira le spalle
e guarda avante, dua che se snoda
 la via di Cacciatore de  le Alpi e pu
via XX Settembre, che è come dì
la via de Porta Pia,me vien sempre
'n senzo de orgojo e tenerezza 'nsieme
a guardà  qu'l'omone rimpiccato
'n mezzo ta 'n'ajola, che guarda
'n verso Roma com'a dì: Perugine
è tutt'a posto, ce sto io a evità
che 'l vaticano  artorne a ripijà
quil che j’em preso. Che di prete
e di pape, anche quille che pajono
più bone, 'n tocca fidasse mai.

E manco a dillo, è la storia de noaltre
è l XX Giugno, per chi s'arcorda
d'arcordasse chi erevamo, tutti i mese
de l'anno e no soltanto quan che se tratta
de 'nfilà corone e de stonà Mameli
davanti al monumento del Frontone.
 
Ta me me piace guardà 'sto Garibaldi
ma de 'sti tempe è più 'na nostalgia
che da Roma arivon certi vente...
Altro che la nostra tramontana.
Tanto pe' dì  ce son certe sentinelle
 - e già 'l nome dovria facce riflette -
che ogni tanto se piazz'no qua e là
dritte 'n piede comm' i fuse de la spola
a dicce che l'inferno è sempre operto
pe chi prova 'ncora a esercità quil che
 'na volta era 'l libero penziero
e se trattava de scelte pe' la vita
 e no si beve Fanta o Coca Cola.

Ma quil ch'è peggio è che par che ta nissuno
 je fa specie, anzi so' i prime a parlà 
dentr' i convegne  nco' persone 'struite
e guvernante, che le lass'no a pontificà
 su come tocca vive : chi dovemo sposà,
con chi fa i fije, come e cosa 'nsegnà
si semo a scola, che malatie curà,
come campà, si è mejo  sta' a suffrì
o sceje de schiattà,e cussì via ...
che tanta lunga  ‘n v' la vojo fà.

Caro Garibaldi mio, ta me  me pare
che stavolta 'n te basterion le bajonette.
Quisti oltre che j'angiolette a cantà 'n cielo
- e  n'orchestra a sonà ntol Parlamento-
ciònno anche i drone, si je serve esagerà
e alora me l' se dì tu,vecchio eroe, da la tu' ajola
quil che ce po fà? Ma Garibaldi mio, tu se' 'na statua
 e no 'n cristiano, e 'ste questione 'n te riguard'no, ce l' so.

Ma penzo a volte che dal punto dua che  guarde
 certo tu vede molto più lontano, ma sta' a sentì
che te dico: quil ch'è visto è mejo
si te l' tiene da per te e ce lasce, tra moccole
e lamente,senza arcapezzà niente de bono 
ncol cerchio al naso e ncol cerino 'n mano.

 

 

 

 

la Suntina de Bartoccio

Inserito lunedì 29 febbraio 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4937112