07/12/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Perugia 1416, ma quanto ci costi?

Perugia 1416, ma quanto ci costi?
Finora tutto è avvolto nel mistero. Ecco le domande che rivolgiamo al Comune di Perugia


Come siamo abituati a fare, anche per le iniziative della rievocazione di Braccio crediamo sia giusto chiedere che siano resi noti i costi, almeno a livello di preventivo.

Così cominciamo a parlare di soldi, finalmente, perché finora tutto è avvolto nel mistero: le iniziative, l'associazione segreta, i gestori dell'iniziativa, i costi, i beneficiari...

Queste sono le domande che rivolgiamo al Comune di Perugia:

- quanto costerà la manifestazione?

- da dove si prendono i soldi? 

- chi li gestirà?

- quanti sono e quanto costano al Comune (cioè a noi) i consulenti assunti ad hoc?

- come verranno spesi i soldi?

Questa giunta si era presentata, al suo esordio, nel segno della totale discontinuità dalle precedenti. Vediamo se in pratica questa discontinuità c'è almeno sul tereno della trasparenza.


(foto di Cristiana Mapelli, da Tuttoggi)

 




Inserito domenica 6 marzo 2016


Commenta l'articolo "Perugia 1416, ma quanto ci costi?"

Commenti

Nome: Fiammiferetta
Commento: Chiedo che si porti a conoscenza con onestà il bilancio dell'assessorato ai servizi sociali confrontato con il denaro speso per questo "giocattolo".

Nome: Giap
Commento: Quanto ci costi, quanto sei inutile?

Nome: Fioenza
Commento: Giustissime le osservazioni e le richieste di trasparenza su organizzazione e denaro pubblico, tuttavia, anche se la manifestazione fosse a costo 0 (per assurdo), sarebbe comunque una pagliacciata folcloristica a scopo populistico e commerciale... molto squalificante per una città che ha concorso a Capitale della Cultura. Rievocare un periodo storico così oscuro e sanguinoso (e tutt'altro che Nobile) è davvero inopportuno. Altro che Rinascimento! Voglia di Restaurazione per i neo signori del palazzo!

Nome: Anna Rosa Passeri
Commento: Quanto ci costerà? Tante prese in giro

Nome: Gabriella
Commento: Cosa potranno pensare e dire i probabili turisti quando venendo a Perugia troveranno le strade e i marciapiedi così come sono? Che dal '400 li abbiamo lasciati così o sono stati ridotti ad hoc per la giustamente cosiddetta "pagliacciata"? Sono stanca di pagare tasse e balzelli senza sapere dove vanno a finire i miei soldi o vedere come, senza trasparenza né permessi, vadano a rimpinguare le tasche di chissà chi. Vergogna!! Coloro che sono stati eletti per governare sono al nostro servizio, non viceversa; è loro dovere provvedere alla salute delle persone, alla tutela dell'ambiente, al lavoro e l'occupazione dei giovani. Non abbiamo eletto un'agenzia di viaggi per turisti né vogliamo essere presi in giro da una novella Compagnia di ventura. Avventurieri

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4938483