20/03/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Marciare per la pace ora è una necessità

Marciare per la pace ora è una necessità
Non si può stabilire con un anno di anticipo quando se ne sentirà il bisogno

Marciare per la Pace è una necessità. Non si può stabilire con un anno di anticipo quando se ne sentirà il bisogno.

Probabilmente gli organizzatori staranno lavorando a manifestazioni di contorno alla Marcia: convegni, tavole rotonde eccetera. Sono cose sicuramente interessanti, ma serviranno più che altro a loro, a chi ci parteciperà. Intanto, però, l'Europa continua ad essere impotente ed egoista, dalla Grecia ci arrivano le scene che vediamo, la Turchia persevera nella sua ambiguità, gli attentati si susseguono, in Siria ed Iraq continuano a morire.

E, mentre il movimento pacifista non si fa sentire, non mostra il suo volto, non scuote le anime, questo lo stanno facendo i vari egoismi, razzismi e guerrafondai sparsi nel mondo, come dimostrano le primarie americane, le elezioni tedesche, i semidittatorelli parafascisti che governano nei paesi dell'ex blocco sovietico.



Alessandro Felici


Inserito sabato 26 marzo 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4542380