25/08/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Logge di Braccio e tavolini: una mediazione

Logge di Braccio e tavolini: una mediazione
Lettera all'Arcivescovo: se Lei indicasse questa mediazione scemerebbero tante proteste. Ma più che altro Lei darebbe un segnale d'ascolto verso quelle donne ed uomini che protestano e che appartengono alla generazione dei trentenni mai ascoltata

Cara Tramontana,
ti invio questa lettera (già pubblicata su atri mezzi) che dopo aver letto e saputo delle proteste alle Logge di Braccio ho sentito di dover inviare al Cardinale Bassetti Arcivescovo di Perugia. Mi ha fatto venire il "coraggio" di farlo anche l'articolo su La Tramontana nel quale si parla di "compromesso" a proposito delle Logge.
Cordiali saluti e grazie per il vostro impegno
Gina

Carissimo Arcivescovo Cardinale Bassetti,
 in questi giorni ho visto e letto delle proteste contro la concessione delle Logge di Braccio ad un privato, rispetto alle quali mi sento solo di dirle che nel luogo delle Logge dove si trovano la Pietra della Giustizia e quanto rimane dell'antico campanile è uno dei posti più sacri della città sia dal punto di vista religioso che laico.

Lì è nata la comunità dei perugini, che per secoli ha coinciso con quella cristiana. Tanto è vero che la Pietra in origine era attaccata in alto sul campanile. È antistorico e, a mio parere, autolesionistico dare quei pochi metri quadri in gestione ad una sola persona per il semplice motivo che non si può affittare l'anima di una città.

Il discorso è diverso per lo spazio davanti all'ingresso dei negozi, lì se ci fossero i tavolini di un bar credo che nessuno avrebbe da ridire e sono certo che se Lei indicasse questa mediazione scemerebbero tante, se non tutte, le proteste. Ma più che altro Lei darebbe un segnale d'ascolto verso quelle donne ed uomini che protestano e che appartengono alla generazione dei trentenni mai ascoltata e per la quale gli adulti e gli anziani di oggi non hanno mai fatto qualche cosa di decente. Avrebbero tutto il diritto di pensare ai fatti loro, invece si stanno impegnando, magari in forma confusionaria, per un ideale di città accogliente, aperta, solidale e non egoistica. Perché deluderli?

 Con tanto affetto



Gina Capitani

Inserito martedì 31 maggio 2016


Commenta l'articolo "Logge di Braccio e tavolini: una mediazione"

Commenti

Nome: Roberto Rossi
Commento: Dubito che il Cardinale cercherà la mediazione.

Nome: FRANCESCO GRIGIONI
Commento: Bravissima Umbria Grida Terra, supplisce all'indifferenza di tante associazioni cittadine, ed a quella del FAI e di Italia Nostra

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4787167