26/05/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Le Logge di Braccio come le Logge dei Tiratori

Le Logge di Braccio come le Logge dei Tiratori
Lettera al Presidente nazionale di Italia nostra: da Italia Nostra nemmeno una parola in loro difesa. Perché questo disinteresse nei confronti delle Logge perugine rispetto a quelle di Gubbio?

Cara Tramontana,

ti invio per conoscenza la lettera che ho inviato al Presidente nazionale di Italia nostra

 
 
Egregio Presidente Avv. Marco Parini,
in questo periodo a Perugia stiamo assistendo all'esproprio delle quattrocentesche Logge di Braccio che si trovano nella splendida Piazza IV Novembre di Perugia, certamente una delle più belle d'Italia. 
Quanto si trova sotto le logge di Braccio è senza ombra di dubbio il nucleo fondante della città. Custodiscono la Pietra della giustizia (ora in copia) nella quale il Comune di Perugia sanciva di non avere debiti e che le tasse si sarebbero pagate per censo. Lì c'era l'ingresso della Cattedrale prima delle sua trasformazione nell'attuale e si trova la base dell'antico campanile dove sono scolpite le unità di misura delle lunghezze perugine comunali. Sempre lì venivano ricevute le delegazioni ospiti del Comune e la leggenda cittadina vuole sia sepolto Euliste, mitico fondatore della città.
Insomma un luogo centrale per la storia e per la mitologia della città. Sempre pubblico per la sua essenza, per essere di proprietà della diocesi e quindi di tutta la comunità dei credenti in Cristo, per essere stato sempre aperto a tutti.
Ora è stato affittato ad un privato che ci aprirà un caffè Cioccolatiera a marchio Nestlè. Di fatto una sua privatizzazione e mercerizzazione. Alla quale si stanno opponendo singoli cittadini ed una piccola associazione che ha posto anche il problema dello sfruttamento schiavistico che bambini latino-americani subiscono nella lavorazione del cacao.

Una protesta che ha visto assente Italia Nostra, eppure l'associazione che lei presiede anni fa fu attivissima nella protesta in difesa delle Logge dei tiratori di Gubbio in difesa delle quali Italia Nostra scriveva contro le “incaute autorizzazioni che consentono di manomettere l’insigne monumento, mediante la chiusura dell’aereo loggiato con vetrate e tendaggi” cercando di “impedire irreparabili danni ad un capolavoro dell’architettura preindustriale e al volto della Città, ammirata in tutto il mondo.”
Ebbene anche Perugia è ammirata in tutto il Mondo, anche l'incauto affitto delle Logge di Braccio manomette il monumento (è già stato distrutto e sostituito il pavimento mattonato del secolo scorso), le privatizza e snatura eppure da Italia Nostra nemmeno una parola in loro difesa.
Perché questo disinteresse nei confronti delle Logge perugine rispetto a quelle di Gubbio?
 
Distinti saluti



Paolo Benedetti

Inserito mercoledì 1 giugno 2016


Commenta l'articolo "Le Logge di Braccio come le Logge dei Tiratori"

Commenti

Nome: Costanza Ciabatti
Commento: Curiosamente quotidiani locali come il Corriere dell'Umbria e il Messaggero hanno riportato la replica a questga lettera di Italia nostra Perugia, senza far conoscere ai propri lettori la lettera che aveva provocato la risposta. Altra cosa curiosa è che la lettera è inviata al Presidente Nazionale che, invece, si è ben guardato dal rispondere

Nome: Giuseppe
Commento: Il silenzio dell'assessore Severini dimostra quanto tutto quello che sta architetttando con la sfilata in costume sia falso. E' talmente falso che non ha bisogno di avere le logge che sono vere. Quelle le lascia alla speculazione

Nome: Giorgio
Commento: Questa storia se ce ne fosse stato bisogno rende evidente quanto sia una carnevalata la sfilata per Braccio fortebraccio. Se fosse una cosa seria i primi a difenderne l'uso pubblico e la storia dovevano essere le dame ed i signori in calzamaglia, invece...

Nome: Achille
Commento: Il silenzio dell'attuale presidente perugino di Italia nostra non meraviglia, sta lì per scaldare il posto a Barelli e coprirgli le spalle. Quello che meraviglia è il silenzio degli altri componenti del consiglio

Nome: Costanza Ciabatti
Commento: Più o meno è la stessa cosa. Però c'è una differenza. Il Presidente di Italia nostra Perugia è diventato autocivico vice sindaco ed Italia Nostra Perugia non vede non sente non parla

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4656850