19/09/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> La Nuova Brigata Pretolana al Festival Monteverdi

La Nuova Brigata Pretolana al Festival Monteverdi
La tradizione orale popolare della Nuova Brigata Pretolana si è intrecciata ai canti di guerra e d’amore, agli scherzi e le canzonette di Claudio Monteverdi


Il Festival Monteverdi di Cremona si è concluso ieri con una crociera lungo il Po che ha raggiunto Venezia. Durante l’ultima giornata intitolata “Le Desiate Acque di Claudio Monteverdi” il soprano Laura Catrani ha scelto il gruppo di musica popolare perugina de La Nuova Brigata Pretolana per una rilettura di alcuni brani tra le raccolte degli Scherzi Musicali, le Canzonette Spirituali e i Madrigali Guerrieri e Amorosi di Claudio Monteverdi.

Come un ponte teso tra secoli e stili lontani, la tradizione orale popolare della Nuova Brigata Pretolana si è intrecciata ai canti di guerra e d’amore, agli scherzi e le canzonette di Claudio Monteverdi. Accompagnati dai loro strumenti e percussioni rudimentali (posate, bottiglie, bastoncini, vassoi, mattoni, racanelle e tavoli), cantori e musicisti hanno dato voce alla ninfa, alla turca, alle damigelle e ai cavalieri del Seicento; cantato storie, ballate, stornelli e serenate di uomini e donne della tradizione orale del dopoguerra del paese alle porte di Perugia lungo il Tevere, delle aie e delle botteghe. Le parole semplici e ancora attuali dei canti popolari si sono intrecciate con la forza e lo stile più aulico di Monteverdi accostando sia le dame di corte che le donne delle aie.

Il concerto si è tenuto su un battello al largo di Piazza San Marco davanti a un pubblico di duecento appassionati monteverdiani che hanno tributato applausi a Laura Catrani  e alla Nuova Brigata Pretolana che per l’occasione è stata accompagnata dal chitarrista perugino Alessandro Zucchetti.




Inserito mercoledì 8 giugno 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4818942