16/09/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Le logge, il camion rosso e Italia nostra

Le logge, il camion rosso e Italia nostra
E' il solito problema delle associazioni che per natura dovrebbero difendere il nostro patrimonio storico artistico

Ed a Perugia in piazza IV Novembre, dopo la megapalla che aveva indignato la sottosegretaria Ilaria Borletti Buitoni, è comparso il camion della Campari.

E' il solito problema che ci riporta alle associazioni che per natura dovrebbero difendere il patrimonio storico artistico: il Fai ed Italia Nostra. Specialmente quest'ultima sembra essere diventata un comitato a sostegno dell'attuale giunta e quindi tace; o come nel caso delle Logge di Braccio addirittura avvalorandone la mercificazione.

Con il risultato che ora Italia nostra a Gubbio sta perdendo la battaglia per difendere le Logge dei tiratori anche perché rimasta sola. Rimasta sola perché in Umbria ha perso credibilità. Perché ad ogni sua azione o comunicato ti viene di pensare se Italia nostra stia pensando al patrimonio storico artistico od alle ambizioni di qualcuno.



Francesca Berioli


Inserito venerdì 24 giugno 2016


Commenta l'articolo "Le logge, il camion rosso e Italia nostra"

Commenti

Nome: Giulia rondini
Commento: E' una cosa anche volgare, uscendo dall'incontro su Mario Angeloni ho visto una grande bottiglia che si ammoscia e si addrizza. Una cafonata degna di chi l'ha consentita

Nome: Claudio Belladonna
Commento: Era meglio stare zitti. Adesso hanno aperto un centro vacanze a fianco della fontana, manca solo una piscinetta poi c'è tutto. Per quanto riguarda Italia Nostra non credo che ad alcuni suoi consiglieri piacciano queste cose, ma quando ti appiattisci con il potere poi non sei più credibile. E nell'ambientalismo la credibilità è tutto, se la perdi... ti vergogni anche a parlare, anche perché nessuno ti ascolta più.

Nome: Roberto
Commento: Leggete il comunicato del 22 giugno prima di goudicare

Nome: Andrea Dozi
Commento: Il camion è sparito, in compenso hanno aperto un Camparisoda bar con tavolini. Non si può nemmeno completare il giro intorno alla Fontana. Ed Italia Nostra ed il fintoambietalista vice sindaco fingono di non vedere

Nome: Lorella Agnizzoli
Commento: Italia Nostra? Una sigla e niente più

Nome: Giap
Commento: E se Italia Nostra incominciassimo ad ignorarla? I tempi di Pietro Scarpellini sono finiti ed ora non conta niente. E'stata usata e buttata come un calzino bucato

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4815940