09/12/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> L'Umbria fuori dalla premiazione di Comuni Ricicloni 2016

L'Umbria fuori dalla premiazione di Comuni Ricicloni 2016
La vera scommessa è quella accelerare il passo così come richiesto dalla delibera 34/2016 per diventare un'Umbria 'Libera da Rifiuti'
attraverso la riorganizzazione della raccolta differenziata a cominciare dalla frazione organica, l’obbligo di tariffazione puntuale, lo stop all'incenerimento dei rifiuti, l’aumento dei costi di discarica e la costruzione di nuovi impianti di trattamento e riciclo
 
Quest’anno Legambiente ha deciso di non conferire a nessun comune umbro il Premio Comuni Ricicloni 2016 presentato oggi a Roma, nell’ambito della tre giorni del Forum Rifiuti realizzato con Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club e in partenariato con il Coou.
"In Umbria c'è poco da stare allegri per quanto riguarda la gestione dei rifiuti e non ci sono storie virtuose da raccontare e da premiare - spiega Maurizio Zara Vicepresidente di Legambiente Umbria - Grande attenzione ce l'ha invece l'inchiesta coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia che ha portato all'indagine di ben 12 persone tra top manager e tecnici di Gesenu e di Tsa con l'accusa di traffico illecito di rifiuti e avvelenamento colposo di acque e per alcuni di loro anche di associazione a delinquere. Inchiesta sfociata anche nell’interdittiva antimafia da parte della Prefettura di Perugia nei confronti di Gesenu e che ha meritato l'attenzione della Commissione bicamerale sul ciclo illecito dei rifiuti".
Un terremoto politico per l'Umbria, che però mette alla luce finalmente tutte le inefficienze del sistema di gestione di casa nostra, puntualmente denunciate negli anni da associazioni ambientaliste e comitati di cittadini. Una raccolta differenziata non uniforme nel territorio regionale, dove la modalità del porta a porta spinto, l’unica che garantisce qualità e quantità, non è ancora estesa a tutto il territorio. Impianti di compostaggio e di selezione scarsamente efficienti nella selezione e non adeguati alle migliori tecnologie, per cui il recupero di materia è stato sempre limitato. Sembra quasi che l’impiantistica sia stata ottimizzata a massimizzare gli scarti piuttosto che il recupero di materia. Lo smaltimento in discarica è rimasto centrale, tanto che queste sono piene e per alcune si prevedono ampliamenti, così come non è definitivamente archiviato l'incenerimento dei rifiuti per la chiusura del ciclo. Il tutto condito da un sistema di illegalità che riguarda una classe di politici, professionisti e imprenditori interessati al ciclo dei rifiuti con l'ottica del profitto personale e del profitto imprenditoriale fuori dalla legalità, come denunciato dal Procuratore della Repubblica di Perugia Luigi De Ficchy alla Commissione Parlamentare di Inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali.
"La gestione dei rifiuti in Umbria insomma è stata complessivamente desolante - continua Zara - anche se c'è qualche comune umbro che sta facendo registrare buoni progressi e che supera il 65% di raccolta differenziata come obbliga la legge, il sistema è ancora inefficiente. Basta guardare la produzione di scarti della frazione organica che si attestano in alcuni casi anche al 50% generando una scarsa resa in termini di quantità e qualità del compost, talvolta anche sotto il 10% e spesso contaminato ancora con microplastiche e residui vari".
"La vera scommessa per l'Umbria è che i Comuni - sottolinea Maurizio Zara - diano piena attuazione alla Delibera di Giunta 34/2016, e si riapproprino della gestione del ciclo dei rifiuti, per troppo tempo demandata ai gestori tecnici, puntando sulla riorganizzazione della raccolta differenziata a cominciare dalla frazione organica, passando alla tariffazione puntuale, decretando l'arresto definitivo all'incenerimento dei rifiuti, aumentando i costi di discarica, per non renderla più conveniente e costruendo impianti di riciclo. E’ bene ricordare che all’interno del pacchetto europeo sull’economia circolare non si parla più di obiettivi di raccolta differenziata ma di obiettivi di riciclaggio che dovranno essere quelli di recuperare il 65% dai rifiuti urbani e 75% dei rifiuti di imballaggio (a livello europeo e entro il 2030) ponendo come obiettivo vincolante la riduzione al 10% dei rifiuti da portare in discarica".


Legambiente Umbria

Inserito venerdì 24 giugno 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4941936