21/07/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Diario di un ergastolano: i giorni prima della terza laurea

Diario di un ergastolano: i giorni prima della terza laurea
Ogni volta che esco qualche giorno in permesso vivo davvero. E mi sembra strano muovermi fra le persone del mondo libero


 
 
7/06/2016
Mi hanno concesso un breve permesso per andare a Firenze a presentare il mio ultimo libro “Gli ergastolani senza scampo. Fenomenologia e criticità costituzionali dell’ergastolo ostativo”, scritto con il professore costituzionalista Andrea Pugiotto, con un’appendice del professor Davide Galliani, e con la prefazione del presidente onorario della Corte Costituzionale,Gaetano Silvestri e poi passerò qualche giorno a casa con la mia famiglia.
 
8/06/2016
Sono fuori.
Rimango sempre a bocca aperta quando esco dal carcere.
E mi stupisco di quanti bei colori ha la libertà, forse perché il carcere è un mondo in grigio e nero.
Dopo la presentazione del mio libro a Firenze mia figlia mi ha portato a casa ed è stata una delle cose più belle che mi sia capitata nella mia vita.
 
9/06/2016
Ogni volta che esco qualche giorno in permesso vivo davvero.
E mi sembra strano muovermi fra le persone del mondo libero.
 
10/06/2016
Oggi mentre mi sentivo l’uomo più felice dell’universo pensavo che ho vissuto troppi anni senza speranza e senza un domani e non mi sarà facile ritornare a vivere.
Poi ho lasciato cadere questi pensieri e ho cercato di concentrarmi per nascondere nel mio cuore più emozioni possibili, per tirarle fuori quando sarò di nuovo dentro l’ “Assassino dei Sogni”.
 
11/06/2016
Che bello essere a casa.
I miei nipotini sono splendidi.
Non perché sono i miei nipotini ma perché sono veramente fantastici.
E mi piace giocare con loro.
 
12/06/2016
Mi sento felice insieme ai miei figli.
E chissà perché in certi momenti invece di gustarmi la felicità penso a quanto sono stato infelice in tutti questi anni lontano da loro.
 
13/06/2016
Sono di nuovo dentro.
Ogni volta che rientro in carcere e vedo l’Assassino dei Sogni che mi guarda arrivare e spalanca la sua bocca per divorarmi mi viene voglia di voltarmi e di fuggire a gambe levate.
Poi invece mi faccio divorare.
 
14/06/2016
Quando questa mattina mi sono svegliato nella mia cella ho pensato che ogni volta che esco penso che il mio mondo non esiste più, mi è rimasto solo l’amore, di tutto il resto non mi è rimasto più nulla.
 
15/06/2016
Domani mi laureerò per la terza volta, lo farò da uomo libero: uscirò alla mattina alle ore 9:00 e rientrerò alle 22:00.
Molti miei compagni in questi anni mi hanno spesso detto che non aveva senso studiare, ma io ho sempre sentito lo stesso il dovere di farlo.
 
 

www.carmelomusumeci.com



Carmelo Musumeci

Inserito venerdì 24 giugno 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4733864