19/05/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Gli impianti sportivi di Ponte della Pietra

Gli impianti sportivi di Ponte della Pietra
..."la realizzazione delle opere in una zona qualificata come a rischio idraulico espone potenzialmente le opere medesime ai danni discendenti da un possibile evento idraulico avverso": ci accingiamo a costruire un complesso dove già si sa che bisogna "accettare di convivere con il rischio idraulico elevato"


In questi giorni nell'immediato post terremoto ci riempiranno delle solite belle parole: prevenzione, prevenzione, prevenzione.
D'altro canto pare che Norcia sia la dimostrazione vivente che quando si edifica con criterio, la natura, pur facendo il suo "lavoro", non fa danni importanti.
Col terremoto non c'entra nulla, ma noi ci accingiamo a costruire un complesso così grande dove già si sa che bisogna "accettare di convivere con il rischio idraulico elevato".
"L’istante – scrivono infatti i tecnici provinciali – è consapevole che la realizzazione delle opere in una zona qualificata come a rischio idraulico espone potenzialmente le opere medesime ai danni discendenti da un possibile evento idraulico avverso"
"i gestori del complesso dovranno concordare, con il Comune, una procedura da seguire in caso occorra affrontare un’ipotetica piena e mantenere in futuro tutte le opere realizzate in perfetto stato"
"in caso palazzo Donini emetta infatti «avvisi di moderata ed elevata criticità legata a fenomeni meteorologici ed idrologici», ovvero quelli classificati rispettivamente con codice arancione e rosso, le aree verdi, gli impianti sportivi e quelli ricreativi andrebbero chiusi al pubblico"
E abbiamo visto come ultimamente questo tipo di allerta siano molto più frequenti sia a causa delle mutate condizioni meteo sia per la maggiore prudenza degli organi preposti.
A me sembra pura follia.

da fb: Perugia: ieri, oggi, domani.......
(foto Daniele Bovi Umbria24)



Michele Guaitini

Inserito sabato 27 agosto 2016


Commenta l'articolo "Gli impianti sportivi di Ponte della Pietra"

Commenti

Nome: Giap
Commento: Cara Monica, barelliere certo, ma pentito forse. Comunque su Ponte della Pietra ha ragione. Certo che il nuovo (si fa per dire) che ci governa poteva annullare la pratica, invece nonostante le chiacchiere elettorali niente è cambiato

Nome: Monica
Commento: L'autore mi pare sia un barelliere pentito

Nome: Dori Verdi
Commento: Chi potrebbe e dovrebbe fare qualche cosa per impedire questo sono i grillini che essendo nuovi non hanno nulla a che fare con questa cosa da matti. Gli altri tutti sono responsabili

Nome: denise j closset
Commento: Ma è folle! E' come se in zona sismica si facesse costruire un impianto sportivo dicendo "non è antisismico quindi mettevi d'accordo sull'evacuazione"

Nome: Francesca Berioli
Commento: E' inconcepibile che dei funzionari invece di dire non si può fare perché zona a rischio, scrivano è a rischio quindi dovrete concordare cosa fare in caso di pericolo.

Nome: Costanza Ciabatti
Commento: Vedrete che l'autocivico vicesindaco assessore all'ambiente impedirà questo sconcio.

Nome: Andrea Dozi
Commento: A questa variante si oppose il consigliere Pampanelli di Rifondazione comunista che organizzò anche proteste. Con lui votarono contro un paio di consiglieri comunali gli altri tutti a favore tranne alcuni ipocritamente astenuti. Quindi il sindaco attuale ha voluto questa cosa quanto il predecessore.

Nome: francesco giulietti
Commento: la variante è della passata legislatura. Michele Guatini che è molto abile nel controllare potrebbe farci sapere come votò l'allora consigliere Andrea Romizi

Nome: Claudio Belladonna
Commento: E' una variante che praticamente votò quasi tutto il consiglio. C'è una persona che ha ostaggiato questa proposta sempre e si chiama Emiliano Pampanelli di Rifondazione comunista

Nome: Giap
Commento: E su questo l'opposizione in Comune del Pd e quella grillina avrà fatto sentire con forza la sua voce

Nome: Vanni Capoccia
Commento: Un virgolettato in perfetto stile burocratese che serve non a tutelare le persone e le cose, ma a pararsi il di dietro

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4645065