22/11/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Il pianista sedicenne a Castel Rigone

Il pianista sedicenne a Castel Rigone
Matteo Giuliani con l'Orchestra del Trasimeno chiude la XIX edizione del Festival dei Giovani Concertisti


Castel Rigone (Perugia). Grande serata di chiusura per la 19° edizione del Festival Internazionale Giovani Concertisti, domenica 28 agosto ore 21 in Piazza Sant’Agostino, con l’attesissimo concerto di Matteo Giuliani Diez insieme all’Orchestra da Camera del Trasimeno diretta da Silvio Bruni. Un’altra giovanissima promessa della musica internazionale, già noto al pubblico di Castel Rigone per aver incantato la platea sulle note di Beethoven lo scorso anno, suggella l’edizione 2016 e si avvia verso il ventennale del Festival a sottolineare l’intento, pienamente riuscito,  del direttore artistico Cristina Capano di proporre concerti che riescano a fondere il talento di giovani eccellenze del panorama musicale con l’esperienza dei professionisti. Matteo Giuliani Diez eseguirà il Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in mi minore op. 11 di F. Chopin, capolavoro scritto dal grande compositore polacco tra i 19 e i 20 anni d'età, quando ancora si trovava a Varsavia. Nella seconda parte del concerto l’Orchestra del Trasimeno eseguirà Antiche Arie e Danze per Liuto Suite n. 3 di O. Respighi e Danze Rumene di Bèla Bartok.
Sedici anni appena compiuti, Matteo ha vinto nel 2016 il 1º premio assoluto e premio per la migliore interpretazione di un’opera di Chopin al III Concurso Internacional de piano Ciudad de Sevilla “Julio García Casas”. Ha intrapreso lo studio del pianoforte all’età di 8 anni, a 11 ha eseguito per Lang Lang il Notturno nº 3 di Franz Liszt nella sede della Fondazione Telefónica di Madrid, debuttando a soli 12 anni con il Quinto Concerto per pianoforte e orchestra, l’Imperatore, di Ludwig van Beethoven all’Auditorio Nacional di Madrid sotto la direzione di George Pehlivanian. Tre settimane dopo, nella stessa sala, ha eseguito il Terzo Concerto per pianoforte e orchestra di Beethoven diretto da Ramón Torrelledó, registrato e ritrasmesso dalla rete televisiva spagnola Intereconomía TV. Pochi mesi prima è stato tra i vincitori di una selezione internazionale di giovani pianisti per suonare con Lang Lang e Herbie Hancock all’O2 World di Berlino, di fronte a un pubblico di oltre diecimila persone. Ha vinto molti premi e ricevuto riconoscimenti internazionali di grande prestigio.
Interamente formata da professionisti, l’Orchestra da Camera del Trasimeno si è costituita nel 2000 dall’esigenza di fare musica d’insieme degli allievi dei corsi più avanzati e diplomati della Scuola di Musica del Trasimeno che ha al suo attivo 30 anni di attività e molte esibizioni in Italia e all’estero riscuotendo lusinghieri giudizi e notevoli apprezzamenti di critica e pubblico. Il suo repertorio spazia dal barocco al contemporaneo.
Il lavoro svolto dal direttore Silvio Bruni, direttore dell’Orchestra e della Scuola di musica, e dai docenti della Scuola che hanno portato gli allievi a risultati molto prestigiosi e a riconoscimenti internazionali.

Info: http://www.festivalgiovaniconcertisti.com
Fb: https://www.facebook.com/pages/Festival-Internazionale-Giovani-Concertisti
- Ufficio stampa - effe.silvestri@gmail.com, cell. 380 3573336



Francesca Silvestri


Inserito sabato 27 agosto 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4911906