23/01/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> E se dalle Logge di Braccio si iniziasse a sentire il vento che ispira papa Francesco...

E se dalle Logge di Braccio si iniziasse a sentire il vento che ispira papa Francesco...
Sarebbe un bellissimo segnale se dal luogo dove per secoli si è ritrovata e riconosciuta la comunità perugina si avvertisse che è arrivato il vento che chiede di stare dalla parte di chi non ha potere né voce, e da lì spirasse per tutta la città
 
Il Cardinale Arcivescovo di Perugia, alla stessa maniera dei francescani che sono i custodi dei loro conventi e non i proprietari, dovrebbe sentirsi il custode delle Logge di Braccio. Sia perché le proprietà della chiesa sono per natura della comunità dei fedeli e quindi un bene pubblico sia perché nell'area delle Logge si sono contemporaneamente sviluppate la comunità cristiana ed il libero Comune di Perugia. Un fatto che era mirabilmente sintetizzato dalla Pietra della Giustizia quando se ne stava in alto affissa al campanile della Cattedrale.
 
È per questo che la parte di Logge dove si trova la Pietra della Giustizia (ora purtroppo in copia) e quanto rimasto del campanile con le unità di misura comunali sarebbe dovuta rimanere libera e non occupata da attività commerciali private, perché quei pochi metri quadri custodiscono l'anima della città.
 
Credo che questo sarebbe accaduto se dentro le stanze dell'Arcivescovato fosse arrivato il vento nuovo che soffia grazie al papato di Francesco. Sull'accettazione a Perugia del nuovo che spira da Roma c'erano tante speranze, considerato anche che è stato Papa Francesco a nominare Cardinale l'Arcivescovo di Perugia. Ma la genesi e lo sviluppo che ha avuto la vicenda commerciale delle Logge di Braccio dimostra che tra le sue colonne quel sentimento francescano fino ad oggi non ha trovato ospitalità.
 
Ora pare che ci sarà un ripensamento, che stiano rivedendo il progetto. C'è da augurarsi che così sia, che preveda che quella parte delle Logge rimanga libera e non messa all'incasso. Perugia, i nostri giovani, le generazioni che verranno hanno bisogno dell'aria francescana arrivata in Italia dalla “fine del Mondo” al seguito di Papa Bergoglio. Sarebbe un bellissimo segnale se dal luogo dove per secoli si è ritrovata e riconosciuta la comunità perugina si avvertisse che è arrivato il vento che chiede di stare dalla parte di chi non ha potere né voce, e da lì spirasse per tutta la città. Certo non porterebbe denari nelle tasche di nessuno, ma sarebbe un bellissimo segnale di serenità rivolto a tutti.
 


Vanni Capoccia

Inserito venerdì 9 settembre 2016


Commenta l'articolo "E se dalle Logge di Braccio si iniziasse a sentire il vento che ispira papa Francesco..."

Commenti

Nome: Francesca Berioli
Commento: Se consiglio comunale, Vescovo e Soprintendenza facessero il loro mestiere la soluzione si troverebbe in pochi minuti

Nome: FRANCESCO GRIGIONI
Commento: Non capisco perché l'Arcivescovo Bassetti non dica qualche cosa, non dia una spiegazione, non temperi le proteste

Nome: Giorgio
Commento: Cara Denise l'opuscolo dovrebbe avere sia gli articoli contro sei quelli a fevore per far notare chi ha avuto una linea coerente e chi è andato dietro stimoli esterni

Nome: Ugo Isa
Commento: Non male l'idea di raccogliere gli scritti sulle Logge. Sarebbe un modo di fare contrinformazione rispetto alle narrazioni propinate.

Nome: Rosa
Commento: C'è qualcuno che è ancora convinto che sotto le Logge ci sarà una cioccolateria Neslè-Perugina?

Nome: denise j closset
Commento: Bisognerebbe raccogliere i commenti sulle Logge. Farebbero un bell'opuscolo interessante per le considerazioni civiche. E poi spedirlo a soprintendenza e Vescovato

Nome: Serena Fatti
Commento: Nel frattempo dietro quel telo non succede niente e nessuno può entrare nelle Logge

Nome: Lorella Agnizzoli
Commento: I veri nemici di Papa Francesco sono dentro la Chiesa

Nome: Lucio Lolli
Commento: Un testo che mi auguro venga letto in Arcivescovato, non è contro di loro è a loro favore

Nome: Giap
Commento: E' il caso di dire "Parole sante!"

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4459498