24/01/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> La distilleria di Ponte Valleceppi

La distilleria di Ponte Valleceppi
L'insostenibilità sociale e ambientale: un problema che si protrae ormai da oltre trent’anni


 
Da molto tempo si è continuato a discutere dell’insostenibilità sociale e ambientale della distilleria di Ponte Valleceppi, nata e sviluppatesi sulla riva destra del Tevere probabilmente utilizzando i soliti appoggi politici.

Sullo sfondo, sempre più debolmente, restava il progetto della realizzazione di un parco comunale pubblico sul fiume in tutto il suo percorso da Villa Pitignano a San Martino in Campo.

Adesso una nuova forza politica all’opposizione in Consiglio Comunale ha deciso di portare la questione nel massimo consesso della democrazia cittadina. Vedremo i prossimi eventi.

L’auspicio è che ancora una volta non assistiamo alla solita propaganda che dura il tempo di una comparsata nella stampa locale perché la situazione è grave e deve essere affrontata fino alle delocalizzazioni.

Certo che altre forze politiche di destra e di  sinistra storicamente non hanno la coscienza a posto visto che il problema si protrae ormai da oltre trent’anni, da quando un comitato popolare di allora, che si riuniva a Ponte Felcino, fece della salvaguardia e la valorizzazione del Tevere la sua ragione d’essere.
 



Lauro Ciurnelli

Inserito venerdì 30 settembre 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4460518