20/03/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Botta e risposta tra distilleria e ambientalisti

Botta e risposta tra distilleria e ambientalisti
A questo punto la domanda è: chi deve convocare le parti, se non l’amministrazione comunale? Anche perché certi silenzi fanno molto rumore e dimostrano una particolare insensibilità



Attraverso la stampa locale nei giorni scorsi è continuata la controversia tra distilleria di Ponte Valleceppi e ambientalisti. Adesso, per completare l’informazione, va rilevato che l’azienda, come ripetuto pubblicamente, ha per ben due volte dichiarato “la disponibilità ad aprire un dialogo costruttivo”, che a quanto pare finora non sembra aver ricevuto alcun riscontro.

A questo punto la domanda è: chi deve convocare le parti, se non l’amministrazione comunale?

Se non altro per verificare fin dove arriva in concreto quella disponibilità, perché l’unica e definitiva soluzione del problema resta sempre e solo la delocalizzazione degli impianti. Non esiste altra opzione. Anche perché, forse, va ricordato che il Tevere è un fiume che merita maggior rispetto in quanto la sua storia si intreccia con la nascita della città di Roma e la diffusione della sua civiltà in occidente. E, quindi, certi silenzi fanno molto rumore e dimostrano una particolare insensibilità.



Lauro Ciurnelli


Inserito mercoledì 19 ottobre 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4542178