23/01/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Il Comune regala 100 mila euro all'eurocioccolato

Il Comune regala 100 mila euro all'eurocioccolato
Non solo permette l'occupazione della Piazza, ma la regala alle iniziative commerciali


 
Gli articoli 20 e 21 del regolamento per l’occupazione di spazi e aree pubbliche, modificato nel maggio scorso, prevedono il pagamento della «indennità per l’uso dell’immagine della città di Perugia», da versare al Comune «ogni qualvolta la richiesta di occupazione per l’occupazione del suolo pubblico sia finalizzata alla pubblicizzazione di prodotti commerciali negli spazi del centro storico».

Una somma che viene pagata appunto per l’importanza che il luogo ha per i marchi, per gli oneri connessi che gravano sull’ente e per i «disagi che si determinano per i cittadini in relazione all’uso degli spazi pubblici da parte dei privati». Le tariffe che gli operatori commerciali dovrebbero pagare sono in realtà modeste: mille euro al giorno per l’area di piazza IV Novembre, corso Vannucci e piazza della Repubblica; da 800 a mille per l'area del centro intorno al Corso; da 500 a 800 per altri luoghi di prestigio come le scalette di Sant’Ercolano, piazza Giordano Bruno, san Pietro e i giardini del Frontone, via dell’Acquedotto, piazza Fortebraccio e via del Tempio.

Ebbene, nei giorni scorsi la giunta comunale ha deliberato che i banchi piazzati in questi giorni nella Piazza Grande di Perugia, accanto alla Fontana maggiore (che ne viene ancora una volta oscurata), e negli altri luoghi del centro, non pagheranno la dovuta indennità.

La motivazione del regalo (perché di un regalo di tratta) è che le iniziative presentate sarebbero "di particolare rilevanza ai fini della promozione dell’immagine della città a livello nazionale ed internazionale». Ma quale promozione, se con quei banchi non si vede più nulla?

Parliamo dei banchi messi in Piazza da società come Nespresso, Pavesini, Ricola e così via: società per le quali non sarebbe certro stato un gran peso sborsare i cinque o dieci mila euro per le due settimane di occupazione: ma il Comune ha pensato bene di farglielo, questo regalo. Per il Comune però, in tutto si tratta di un mancato introito di oltre 100 mila euro.

Ma sì, facciamo vedere che ce lo possiamo permettere! tanto pagano i cittadini!

Ma non c'era un buco di bilancio? qualcuno di voi ne ha più sentito parlare? Non ci sono i soldi per i servizi, ma si trovano per regalarli non solo alle associazioni dei figuranti, ma addirittura alle grandi società commerciali!




Inserito domenica 23 ottobre 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4459620