22/09/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Ponte Felcino, Ponte della Pietra: la nuova giunta rilancia il cemento

Ponte Felcino, Ponte della Pietra: la nuova giunta rilancia il cemento
A Ponte Felcino previsti 10 mila metri quadrati di superficie commerciale in un'area contigua al Tevere. A Ponte della Pietra un'area di villette grande come 24 volte lo stadio Curi. Senza dimenticare Ikea e Decathlon. La nuova Giunta, in perfetta continuità con le vecchie amministrazioni, rilancia l'espansione edilizia



Dunque la nuova maggioranza, dopo il progetto di 80 villette a Ponte della Pietra per una superficie pari a 24 volte lo stadio Curi, ha approvato il progetto di un nuovo centro commerciale da realizzare a Ponte Felcino tra la zona del mercato e il raccordo della superstrada, in un'area contigua al fiume Tevere e quindi spesso soggetta a allagamenti. Ma finché si allagava il campo, i danni erano relativi perché l'acqua piovana poteva essere riassorbita dal terreno: ma quando tutto sarà cementificato ed asfaltato, i danni saranno ingenti (ed allora forse invocheremo la calamità "naturale"?).

Il propgetto, ovviamente, è abbellito con qualche zona verde, qualche passaggio pedonale, in gran parte da affidare a un "concorso di idee" (cioè di là da venire). Ciò che invece è già ben progettato è il megaparcheggio a servizio del centro commerciale. Perché, ovviamente, di collegamento con i mezzi pubblici non se ne parla nemmeno.

Intanto, la viabilità generale a Ponte Felcino è un disastro, e in particolare del tutto inesistente è la viabilità ciclo-pedonale in un'area che potrebbe vedere la bicicletta come pricipale mezzo di trasporto. Oggi la strada è impraticabile per bici e pedoni, e invece si potrebbe pensare a una serie di collegamenti rapidi tra le abitazioni e i negozi, le scuole, i servizi, lo stesso percorso del Tevere.

Nella popolosa frazione, oggi quartiere periferico della città, non c'è un cinema o un teatro (salvo il prezioso spazio dell'ex cinema Eden, che però non fa cinema o teatro), non c'è una biblioteca pubblica, e solo il volontariato riesce a ottenere miracoli di coesione sociale: ma la Giunta non è interessata a questo. E questo, è ovvio, è "pubblico".

Naturalmente, la ripresa della speculazione edilizia viene chiamata "Sviluppo e riqualificazione", ma in realtà non c'è nessuna riqualificazione dell'area urbana di Ponte Felcino, c'è solo una ennesima operazione speculativa che non ci sembra possa esser chiamata "sviluppo".

E altrettanto naturalmente, per realizzare il progetto sarà necessaria una variante al Piano regolatore, ma questo, come si sa, non è un problema: basterà far approvare dal Consiglio comunale una variante, come ai bei tempi. E, ne siamo certi, il Consiglio approverà.

(foto da http://www.umbria24.it/ponte-felcino-cambia-volto-maxi-area-commerciale-parco-e-orti-urbani-il-progetto/420621.html)




Inserito domenica 13 novembre 2016


Commenta l'articolo "Ponte Felcino, Ponte della Pietra: la nuova giunta rilancia il cemento"

Commenti

Nome: Giuseppe Gigli
Commento: In continuità con Ieri, coerente con quello che è la giunta di destra di Oggi, e forse con quello che saranno domani perché hanno una gran voglia di mettersi insieme.... A proposito che dicono quelli di Ieri Oggi Domani?

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4823244