17/11/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> A Terrae Moto...

A Terrae Moto...
Libera ricostruzione del dialogo tra me, bambino, e mio nonno, dopo il terremoto; e una riflessione sulle bellezze deturpate dall’uomo in Umbria

A  Terrae  Moto (motu)
 
Libera ricostruzione del dialogo tra me, bambino, e mio nonno, dopo il terremoto del 10 agosto 1970, ore 14,30 circa, in Umbria, tra Pietrafitta e Fontignano.
Gli domandai  “Cos’è il Terremoto?” e la risposta fu pressappoco questa:

 
 
Quann’ariva spegne ’l sole
o t’arluce, si è scuro.
C’è solo ’l traballo n’tol donka
e n’sè 'ndua ’rvolta.
 
Misso t’lì, 'ndua vè?
Stocche! ’nfilato ’n tal su’ buco
e scote, come scote d’intorno.
Va via quil che c’è e quil che n’c’è,
fusse ’na trave ch’arversa
o fusse ’na galina sdeata, sordita.
 
Misso t’lì, ch’arceve?
Quil che nn’arsona
’na uja che n’finisce, ch’arduron le piante
’n cricchio ch’arbolle, ’n trubblo d’ale...
sscc, sssccc, sssscccc, sssssccccc, sssssssccccccc...
 
Si fusse ’na voce, sarìa d’na Pianeta ’nferma
e chi l’archiama, adesso nunn la vorrìa artirà...
quilla ciarcoje sempre ch’i contadine e ch’i sgraziate...
eh! Rogate, rogate! “A Terrae Moto, libera nos Domine”...
 
Si! e fal’ gì ’n curva!
Che sbalzrìa al trotto ’l padron da lo scranno
e l’arcoierissmo rotto, almen pe’ n’anno.
 
 Luciano Posti
(Con la collaborazione di Torc’Budello)
 
 
 
Ed una riflessione sulle bellezze deturpate dall’uomo in Umbria:
 
Lumminarie a Perugia
 
L’ann’iddietro, nn’è p’ischerzo,
ev’no arsolto le PALLE D’MULO.
 
’St’anno honno cambiato verso,
che fatt’a TUBO dic’no è bulo.
 
N’sarà che anche quiste, pe’l’interzo,
sonno dirette al nostro.. culo?
 
                                                 Torc’Budello



Luciano Posti

Inserito domenica 27 novembre 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4903699