24/01/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Sulla Ztl misure dannose e grottesche

Sulla Ztl misure dannose e grottesche
Questa amministrazione non ha un progetto complessivo che si proponga l’obiettivo di frenare la fuga dei residenti, favorire lo sviluppo di funzioni direzionali, migliorare la sicurezza e la qualità della vita

 

L’ennesima “rivoluzione” del traffico e della sosta programmata dal comune di Perugia tende a restringere ancora le residue misure di tutela del centro storico lasciando sempre più spazio all’uso dell’auto privata. Si tratta di una misura dannosa e, per certi aspetti, grottesca.

Nelle vie della parte antica di Perugia si può transitare liberamente dalle 13 sino a mezzanotte e sostare poi senza nessun controllo e ulteriori limiti.

La sosta selvaggia è un fenomeno in larga crescita un po’ ovunque. Non ci sono più ormai in Italia realtà simili, soprattutto nelle città d’arte.

Queste nuove misure che limitano a soli cinque giorni la presenza attiva delle telecamere della Ztl sono state presentate in modo piuttosto informale dalla Giunta e con l’obiettivo di migliorare “l’accessibilità” e salvaguardare presunti e tutti da dimostrare interessi dei commercianti.

Il centro storico è vittima di una crisi progressiva da molti anni. Questa nuova amministrazione non ha un progetto complessivo che si proponga l’obiettivo di invertire questa tendenza, frenare la fuga dei residenti, favorire lo sviluppo di funzioni direzionali, migliorare la sicurezza e la qualità della vita, qualificare l’offerta commerciale.

Da grande capitale tra le città medie di questo Paese, Perugia cammina velocemente verso la propria caricatura dove prevale una cultura provinciale e, talvolta, paesana.

Questa amministrazione ha rispolverato vecchi progetti senza avviare un confronto con i cittadini e con le loro associazioni. Hanno deciso due commercianti all’interno della Giunta e due commercianti esterni alla Giunta. Nessuna svolta rispetto al passato, semmai, continuità.

La decisione di spostare le telecamere in Piazza Italia non ha alcun senso dal momento che quelle in uscita si trovano a poche centinaia di metri. Tanto vale a questo punto cancellare tutto il sistema e assumersi la responsabilità di questa decisione.

Il progetto di far girare il traffico delle auto giorno e notte attorno all’unica zona verde dell’acropoli, in Piazza Italia, e di mettere a rendita lo spazio relativo alla sosta a favore della Sipa cacciando i residenti e gli ospiti degli alberghi non ha bisogno di un ulteriore commento.

L’Associazione “La città di tutti” svilupperà nelle prossime settimane insieme a tutte le altre associazioni disponibili un ampio confronto con i cittadini per ridare voce e forme di protesta a chi immagina un altro futuro per la propria città.

Renzo Massarelli
Presidente



La città di tutti

Inserito martedì 21 marzo 2017


Commenta l'articolo "Sulla Ztl misure dannose e grottesche"

Commenti

Nome: Rosa
Commento: Se bisognerà fare un incontro è meglio che l'organizzi la Tramontana

Nome: Dori Verdi
Commento: Il sindaco si fa manovrare come una marionetta da quattro commercianti del centro

Nome: Giap
Commento: 'L commerciante Capaccione se crede d'èsse 'l padrone

Nome: denise j closset
Commento: Dovevano essere la giunta comunale del Centro storico, invece sono riusciti solo a riempirlo d'auto. A far distruggere il pavimento in pietra serena. A portare i furgoni ed i camion persino in corso Vannucci. Complimneti vivissimi a chi ha votato e fatto votare l'autocivico vicesindaco

Nome: Gianpaolo Venti
Commento: Non riescono a vedere più in là del naso. Amministratori da quattro soldi che si fanno dettare le cose da fare da un commerciante del centro. Un furbone con negozio in corso vannucci che vuole circondare di lamiera d'automobile tutto il centro tranne il corso dove ha il negozio

Nome: Alessio Relli
Commento: Colpisce la mancanza di cultura di chi amministra la città. Degli intellettuali (si fa per dire) di paese che non sanno guardare oltre l'orticello di casa propria

Nome: francesco
Commento: e.c. si potrà transitare dalle 7 (sette!) fino a mezzanotte...

Nome: francesco giulietti
Commento: E' meglio che l'organizzi assieme ad altri. A me non piaciono le autocritiche, ma una riflessione sull'appoggio dato alla sfrenata ambizione del vicesindaco non sarebbe male. Poi va tutto bene quello che hanno scritto, meno quello che hanno fatto in passato anche se il presente è più importante

Nome: Costanza Ciabatti
Commento: Altri barellieri che hanno aperto gli occhi. Meglio tardi che mai. Aspetto con ansia che come prima citavano tante volte con nome e cognome le colpe di Boccali. Adesso gli esca dalla penna quello di Romizi e dell'ex amato Barelli

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4460474