23/01/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Decadenza del sentimento civile a Perugia

Decadenza del sentimento civile a Perugia
Pochi cittadini si indignano, e solo per ciò che accade nella propria zona. Assenti le istituzioni. Ma occorre scuotersi dal "piattume" culturale e dall'indifferenza civica

 

Perugia è una città i cui cittadini dimostrano, ogni giorno sempre di più, di non avere interesse per i beni comuni, e che sembra oramai digerire tutto quello che accade di brutto intorno a lei.

Distruggono il sagrato di Monteluce e se ne occupano solo alcuni volonterosi abitanti e ex abitanti. Stessa cosa per quello di sant'Agostino in corso Garibaldi, mentre sarebbe logico e civico che agissero insieme in difesa di due cose belle di tutta la città e che queste due sagrati venissero sentiti propri anche da altri cittadini.

In via delle Volte un furgone danneggia una parte del bell'archetto medievale bianco e rosa e se non fosse stato per il Messaggero nemmeno lo saremmo venuti a sapere. Non c'è stato un commerciante della via che abbia preso targa o segnalato il tipo di furgone, nessuno della soprintendenza che sia andato a controllare il danno.

Mettono il cappuccio alla Fontana Maggiore, monumento simbolo della città, e sono pochissimi coloro che se ne siano accorti.

È triste dover constatare questo decadimento del senso civico, ma se non ci fosse la Tramontana che continua ad informare e i pochi cittadini che continuano ad indignarsi, il “piattume” culturale e l'indifferenza civica a Perugia sarebbero totali.

 



Paolo Benedetti


Inserito lunedì 24 aprile 2017


Commenta l'articolo "Decadenza del sentimento civile a Perugia"

Commenti

Nome: Costanza Ciabatti
Commento: E' che Perugia ha anche perso quelle autorità morali che parlavano di queste cose.

Nome: Alessandro Felici
Commento: parole tristi, ma purtroppo vere

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4459624