25/08/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Questa non è Arte di Strada

Questa non è Arte di Strada
In alcune città si formano dei gruppi spontanei di lavoro per la ripulitura delle solite scritte diffuse un po’ ovunque

A proposito del convegno sulla sicurezza e il degrado svoltosi giovedì mattina a Villa Umbra di Perugia, andrebbe aggiunto che oggi sembra si stia sviluppando in Italia la crescita di una nuova cura per tutto quello che dovrebbe rappresentare l’arredo urbano.

Tanto che, ad esempio, in alcune città si formano dei gruppi spontanei di lavoro per la ripulitura delle solite scritte diffuse un po’ ovunque. Anche su monumenti di importante valore storico.

In Umbria non si ha notizia che questa sensibilità sia molto diffusa. Lo dimostrano chiaramente i convogli della Ferrovia Centrale Umbra che attraversano le campagne letteralmente coperti dai cosiddetti graffiti fino a nascondere addirittura i finestrini e impedire la vista dello scorrere dei paesaggi. Il fenomeno ormai interessa città e borghi.

Ma non può essere più accettato come se appartenesse ad una semplice componente naturale del colore locale.

 



Lauro Ciurnelli


Inserito sabato 29 aprile 2017


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4787177