14/10/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Un logo acquistabile per qualche dollaro

Un logo acquistabile per qualche dollaro
Impazza in rete il sarcasmo sulla grafica della sfilata braccesca

A sinistra un logo acquistabile per qualche dollaro su Fotolia, a destra il palio dell'annuale edizione di "Perugia 1416".

Copiare male aggiungendo una freccia che punta indietro mi sembra un sunto perfetto della manifestazione perugina.

Marco Giugliarelli

Alcuni tra i numerosi commenti su fb:

Alessio Cambiotti che tristezza

Patrizia Cavalaglio tra l'altro il logo è anche molto brutto!

Francesco Bircolotti Lasciate perdere, c'è piuttosto da pensare alla cavalcata del Grifo verso la A, altro che al palio

Francesco Giacopetti Nemmeno un po' di fantasia....
Questa fa il paio con la foto dell'anno scorso fotoscioppata per aumentare la "folla" in piazza Matteotti

Andrea Luccioli Che poi il palio in una rievocazione storica, di solito, è tutta un'altra cosa. Questo è un logo, non un palio.

Marco Andrea Fichera In realtà si tratta di un simbolo talmente iconico che non si può parlare di "copia" o "plagio" ma semplicemente d'abuso di un'immagine assolutamente generica e priva di qualsiasi segno distintivo.

Quaglia Claudio Marco Giugliarelli il fustugatore perugino. Su quale piazza vuoi essere messo al rogo ? Poi te la intitoliamo. Pensa, i perugini diranno: "vediamoci in piazza Giugliarelli. Ma è piena di macchine. Si ma il corteo 1416 parte da lì. Allora vengo."

Elisabetta Dragoni Glielo dico sempre: se ti troviamo morto scannato ci sarebbero almeno 100 buoni sospettati!

Marco Giugliarelli Elisabetta Dragoni pensavo qualcuno in più

Marta Natalini Come dice una mia amica: 'Amazza per quanto è brutto!'. Io mi vergognerei a fare una conferenza stampa per presentare na roba così brutta

Armando Allegretti Beh anche il bianco su bianco non dispiace ??

Tiziano Hood Scricciolo Il mio falegname per diecimila lire la faceva meglio

Umberto Maiorca comunque è una lancia, non una freccia, manca il piumaggio alla fine dell'asta

Daniele Paoletti La fase preprogettuale del marchio iconico e tipografico deve aver richiesto anni di analisi di studi.

Sara Belia scusate ma è più forte di me....tutti gli elementi stondati ed il font squadrato che v'hanno fatto? e quella cosa incomprensibile sotto 2017 che arriva quasi al bordo dello stendardo fregandosene totalmente di qualsiasi regola di leggibilità?...Del bia...Altro...

Daniele Pampanelli l'ha fatto uno studente dell'accademia

Sara Belia ma poi perchè sopra gli elementi sono a tinte piatte e sotto sfumati?...basta. scusate. vado via.

Cristiana Mapelli Mi spiace solo che a metterci la faccia è un giovane studente dell'Accademia che con la promessa di 500 euro si è dovuto inventare un qualcosa in tempi rapidi.

Pietro Crocchioni Su....bastava prendere qualche disegno delle elementari o,all' asilo.....più. spontanei. ..

Luigina Abbenante E pensare che l'assessorato alla cultura lavora solo a questa unica manifestazione, pardon a questa carnevalata.

Margherita Ciubini La freccia non punta "indietro": è stata disegnata da uno studente di origine magrebina e il verso di lettura della scrittura arabe è da destra a sinistra, capre! Poi c'è chi accusa la giunta di provincialismo, ma io boh.

Daniele Pampanelli sì ciubins, ma a contesto diverso, significato diverso.

Emanuele Batazzi Capitale europea della cultura 1416

Jacopo Castelletti Che inguardabile porcata.
Questa è la stessa gente che da un lato si sciacqua la bocca con la retorica della dignità del lavoro, poi però "so' due grafiche, che sarà mai".
Senza parole.

JosèAntonio Bolivar Considerato che l'anno prima braccio fortebraccio è finito con il culo x terra, che logo pretendete?? Più che altro metterei il cartello "pavimento scivoloso"..

Daniele Chiappini È ASIMMETRICO

Simone Di Manno guarda che mica è semplicissimo rispettare le simmetrie... col PAINT di Windows ????
Giovanluca Dionigi Effettivamente fa un male pensare ad un marketing così dozzinale per una città così bella. Sulla rievocazione non commento

Cristina Pappone Si potevano pensare a mille iniziative per avere un logo gratis!

Mirko Revoyera Scegliere lo sfondo bianco quando uno dei colori partecipanti è bianco mi pare un'intuizione geniale. Manco in Primo Istituto d'Arte facevamo minchionerie simili.




Inserito giovedì 25 maggio 2017


Commenta l'articolo "Un logo acquistabile per qualche dollaro"

Commenti

Nome: Giap
Commento: Non si sa se sia meglio ridere o piangere

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4856930