07/12/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Magari se prenda 'na pasticchetta

Magari se prenda 'na pasticchetta
Il problema non è tanto il porre un diritto contro un altro diritto: è piuttosto chiedersi come possa un cittadino difendere il proprio diritto alla quiete notturna, diritto che del resto le disposizioni comunali garantirebbero a partire dalla mezzanotte

Conosco ben poco della vicenda che Paolo Bartoli riassume e commenta nell'articolo Aridatece gli spacciatori, ma sto ovviamente - a me, almeno, pare ovvio - dalla parte di chi vuole occupare una piazza pubblica con il gioco e i rimbalzi di una palla, piuttosto che con lo spaccio e il consumo di sostanze velenose - droga, soprattutto, ma anche il gas di scarico di macchina parcheggiate più o meno abusivamente.

Volevo però aggiungere una postilla al ragionamento sul rumore improprio che per tutta l'estate i cittadini sono obbligati a subire da parte di bar e ristoranti all’aperto, e soprattutto dalle decine e decine di sagre sparse su tutto il territorio cittadino e provinciale.

Personalmente abito a Ripa, dove ve ne sono ben due in estate, la seconda delle quali della durata abnorme di dieci giorni (più undicesimo riservato a chi vi ha lavorato negli altri dieci). Come (quasi) tutte le altre sagre, anche quella del tartufo ha ben poco di sacrale, servendo solo a finanziare la società di calcio locale.

Ma, a parte questa stortura ormai neanche più percepita, c'è il fatto che la musica e gli altoparlanti mandano i loro rumori per tutta la zona, senza remore o cautele. Per alcuni anni ciò è avvenuto fino alle tre o le quattro di mattina (alle mazurche per i più anziani, all'una si apriva la cosiddetta 'discoteca' per i giovani); ora si finisce invece all'una, una e trenta, e ciò tutte le sere, per undici giorni di fila.

Ho chiamato più volte in passato vigili e polizia segnalando l'abuso e il disturbo della quiete pubblica, ma la risposta è stata sempre la stessa: "Ma lei crede che noi, avendo solo una pattuglia che gira di notte per tutto il comune di Perugia, possiamo badare anche a queste cose? Inoltre la legge ci dice che dobbiamo coglierli in fragrante, e come faremmo, arrivando magari due ore dopo la segnalazione? Quindi nemmeno ci proviamo".

Ed è questo il punto al quale volevo arrivare: il problema non è tanto il porre un diritto contro un altro diritto, come scrive la redazione a commento dell'articolo di Bartoli; è piuttosto chiedersi come possa un cittadino difendere il proprio diritto alla quiete notturna, diritto che del resto le disposizioni comunali garantirebbero a partire dalla mezzanotte.

Chi mai vigila su questo diritto? E perché, in questo paese, chi fa più casino vince sempre contro chi ama di più il silenzio?

Aggiungo infine il suggerimento che un solerte vigile mi ha regalato una notte dopo la mia chiamata e la richiesta di intervento: "Tocca che se rassegni. Magari se prenda 'na pasticchetta. Aiuta."



Roberto De Romanis


Inserito domenica 9 luglio 2017


Commenta l'articolo "Magari se prenda 'na pasticchetta"

Commenti

Nome: Alessandro Felici
Commento: Che il bar di piazza Grimana suoni troppo forte la musica non lo metto in dubbio, ma che faccia tanto rumore quanto una sagra mi pare esagerato

Nome: Giap
Commento: Il problema è il manico. Ovvero il sindaco Romizi che non prende mai una decisione. Fa lo struzzo, anzi l'anguilla. Scappa dai problemi e se succede qualche cosa come a piazza Grimana scarica sull'Arpa e nel frattempo spera che tutto si smosci. E' proprio il sindaco anguilla.

Nome: Claudio Belladonna
Commento: A piazza Grimna c'è da cacciare solo le auto, Anziani, bambini e palla canestro stanno bene dove stanno.

Nome: Costanza Ciabatti
Commento: Forse è il caso di recuperare il senso delle parole. Prima di tutto lì giocavano a pallacanestro anche quando quella zona era preda degli spacciatori, perché sono due fenomeni che non hanno niente in comune. Secondo a piazza Grimana non si tiene nessuna sagra. Giocano solo a Volley e c'è un bar che manda musica che se è forte si chiama un vigile.

Nome: Franz
Commento: Per il diritto del cittadino, contro gli abusi, esiste il "Difensore Civico" che è un avvocato professionista.

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4938490