23/01/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Sugli Arconi medievali un orrore in piena regola

Sugli Arconi medievali un orrore in piena regola
Non c'è bisogno di aspettare che il progetto sia finito per stabilirne l'impatto. Il problema di quel cemento così invasivo, anche se non si vedesse più, rimarrebbe comunque

C'è chi afferma che per giudicare l'orrore degli "arconi di via della rupe" bisogna aspettare la fine dei lavori, ma non c'è bisogno di aspettare che il progetto sia finito per stabilirne l'impatto. Il problema di quel cemento così invasivo, anche se non si vedesse più, rimarrebbe comunque.

Ciò che stanno facendo agli “Arconi medievali” non è questione di estetica, è questione di civiltà, di cultura, di rispetto per la storia di una città.

Interventi del tipo che stanno compiendo vengono da anni eseguiti con vetro, acciaio, legno. Materiali leggeri per interventi leggeri, che si possono rimuovere con facilità in pochi giorni e, una volta tolti, lasciano il manufatto storico com'era prima.

Mentre per togliere quei casotti di cemento così prepotenti all'interno degli “arconi” sarebbero necessarie le ruspe. È per questo che quello che stanno facendo è un orrore. E lo è e rimarrà indipendentemente dal fatto di essere in regola o no. Con i timbri giusti sarebbe solamente un orrore in piena regola.



Perugia, Umbria, Mondo

Inserito domenica 27 agosto 2017


Commenta l'articolo "Sugli Arconi medievali un orrore in piena regola"

Commenti

Nome: Andrea Dozi
Commento: Un orrore che ha un merito: aver smascherato per l'ennesima volta i finto civici che sono nella giunta comunale e nel consiglio

Nome: Dori verdi
Commento: Ma perché la sinistra radicale non prende mai posizione quando si tratta di patrimonio storico artistico?

Nome: Costanza
Commento: Non è vero che chi protestava per san Bevignate ora tace. Tacciono vicesindaco e seguaci ma loro, allora, pensavano solo alla vanità e ambizione di alcuni

Nome: antonella
Commento: Ma dove sono finiti gli organizzatori della bella fiaccolata a San Bevignate? allora si minacciava il territorio intorno al monumento, oggi si minaccia il monumento stesso: perché non si fanno vivi? forse non sono più vivi (civicamente)?

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4459932