16/10/2018
direttore Renzo Zuccherini

Home >> L’omo, ‘sto singolare mammifero umano

L’omo, ‘sto singolare mammifero umano
...e altro… (adè ridemo): nuovo volume di poesie di Maria Lorvich


                                      

E già, anche quest’anno Maria Lorvich, ci delizia con la sua ennesima operetta per Guerra Edizioni, ma questa volta, pur sempre nel suo dialetto peruginissimo, senza quella ironia, che aveva caratterizzato i suoi precedenti scritti e poesie. Questa volta è una “cosa seria”. Dice Maria che «Questo libro è il seguito di “N po’ de storia”, cioè la storia dell’uomo. Ma in questo volume la storia è raccontata in modo diverso». Alla domanda del lettore, del curioso, che le chiede o le dovesse chiedere «Dov’è la diversità?», beh, allora sì, ma solo in queste quattro parole, ritrovate la sagacia e l’arguzia della cara “Maria di Bruno” (come noi, in casa, in famiglia la chiamavamo): «Leggetelo e lo saprete».


 

Anche questa la potremmo interpretare come una ballata, sempre in rima (essenzialmente ABAB), anzi una serie di brevi ballate dedicate a ciò che l’uomo di buono ha fatto, l’omo bono, illustre, non quello tisto e guerrafondaio… Dice infatti nel concludere la prima ballata della  presentazione del volumetto che «Ce furon presidenti, dittatori,/scatenaron guerre, rivoluzioni,/lotte civili, sommosse, terrori/torture, morti, persecuzioni./Ma io de quest n’ ve vojo arcontà,/loro honno ‘nflitto dolori e gran pene./Io ‘nvece, diqui ve vojo parlà/de quelli ch’hon fatto ta tutti del bene».
Così Maria ci racconta di ricercatori e medici, inventori, artisti e musicisti, di scrittori ed insegnanti, di vigili del fuoco, di navigatori – esploratori, dei Nuovi Angeli, dei Santi.
Eccovi le ultime due strofe della breve ballata dedicata a quelli che Maria chiama “i nuovi angeli”:

E adè parlamo dei volontari:
vanno ‘n aiuto ndua c’è ‘l terremoto,
se dan da fa con strumenti vari,
e corron anche ndua c’è ‘l maremoto.
Questi son angeli, gente de core.
Ce ne son altri, che generosi
servon con molta cura ed amore,
tanti malati, infermi e bisognosi.

Dio benedica sti angeli boni,
ce danno speranza nto l’umanità:
non tutti gli omi son mascalzoni
ma c’è qualcun che ci ha tanta bontà.

Nella parte finale, non poteva non trovare il tempo e lo spazio, però, di inserire le sue stuzzicanti e piccanti “Adè ridemo”. Una sola per rammentarvi lo spirito ancora vispo di questa novantunenne eccezionale donna:

PER STRADA, FRA DUE LADRI

- ‘sta attento, l’ ve quel dilì è ‘n poliziotto.
- Come fè a sapello, chi te l’ha itto?
- Gli ho fregato ‘l portafoglio dal capotto
e telì c’era tutto quanto scritto.

Il libriccino, sempre allettante e gradevole, è illustrato come di consueto dalla fedele amica Federica.
Il costo dell’operetta è di 10 euro. La potete trovare da Maria stessa, al Sodalizio di S. Martino, ove da anni vive, oppure in libreria, alla Morlacchi, in città.




Daniele Crotti

Inserito martedì 12 dicembre 2017


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4289011