25/08/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> 'L sonetto de l'oro de Bologna

'L sonetto de l'oro de Bologna
L'oro de Bologna tal turista 'n se sbologna

Honn proprio combinato 'n bel casotto
ta la Fonte hon chiuso 'l rocchio
e le donne son nute 'n cazzotto,
bell e grosso, dato nto 'n occhio.

Chi passa s'acorge che poracce
c'honno de giallo 'n coloraccio
manco avessor preso l'itterizia.
Na cosa da nun pialla con letizia

ché quisti ce paion giorni tristi.
Ma 'l vicesind'co va dicenno tai turisti
de nilla a vedé sta Fonte che par d'oro.

Sarà, ma quil tlì si è oro, è l'oro
de Bologna che mor da la vergogna,
e n'è bello che tal turista lo sbologna.



'L Collettivo dei Raspanti


Inserito giovedì 18 gennaio 2018


Commenta l'articolo "'L sonetto de l'oro de Bologna"

Commenti

Nome: Giap
Commento: Bula!

Nome: Claudia del Bartoccio
Commento: Bravo Raspante ce speravo che ce rimettessi inzieme

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4787113